Norwegian

Si decide oggi il futuro di Norwegian

Tempo di lettura 2 minuti

Nella giornata di oggi, lunedì 7 dicembre 2020 a Dublino, il tribunale deciderà se accettare la richiesta di Norwegian per accedere alla protezione fallimentare irlandese.

In un contesto sicuramente difficile, a novembre Norwegian ha volato con il 5% della capacità ed un LF medio del del 44%, in prospettiva con più voli nel periodo natalizio e segnali positivi dalle prenotazioni estive che iniziano ad arrivare, se nella giornata di oggi riuscirà ad ottenere la protezione fallimentare, avrà buone possibilità per salvarsi e potremo rivedere presto i #Rednose volare alto.

Ci sono infatti buone possibilità, Norwegian ha ragionevoli prospettive di sopravvivenza, anche se sarà più piccola, principalmente nel lungo raggio, sarà fondamentale che Norwegian presenti al tribunale un piano realistico e fattibile.

La protezione fallimentare prevista dalla legislazione della Repubblica di Irlanda è molto favorevole per le aziende che riescono ad ottenerla, infatti i creditori non hanno molta scelta ne potere anche quando viene chiesto il loro parere.

La persona nominata come cosiddetto esaminatore dal tribunale ha un ruolo centrale nel lavoro di elaborazione di un piano di salvataggio. Il revisore Kieran Wallace di KPMG ha ricevuto l’incarico in Norvegia.

Secondo Gavin Simons, un noto avvocato irlandese che si occupa di protezioni fallimentari, gli azionisti di oggi sono gli ultimi di cui la corte si preoccupa.

Se in tempi migliori hanno avuto il vantaggio di ottenere i dividendi ora dovranno anche farsi carico delle perdite e il valore delle azioni di Norwegian in questa fase sono ZERO.

Il revisore nominato dal tribunale, che inizierà con una forte svalutazione del debito per trovare nuove capitale per il vettore norvegese, formulerà la sua proposta di ristrutturazione del debito e convocherà i creditori, a cui verrà sottoposta per il voto.

Non sarà necessario, secondo la procedura fallimentare irlandese che la maggioranza sia favorevole, è sufficiente che uno dei creditori accetti, tutti gli altri dovranno farlo di conseguenza, pena la perdita di ogni diritto, anche se è bene dire che i creditori con la procedura fallimentare vedranno ridurre notevolmente il loro credito.

Spiega l’avvocato Gavin Simons “È necessario, con il livello minimo di sostegno, che un regime sia approvato dal tribunale e sia reso vincolante per tutti i creditori indipendentemente dal fatto che abbiano votato a favore o contro il trattamento ricevuto nell’ambito del regime del debito. Il processo di esame gestirà gli obblighi storici, ma deve gettare una solida base per l’azienda in futuro, in modo che sia redditizio in futuro”.

Come si è arrivati alla richiesta della protezione fallimentare irlandese?

A seguito della decisione del governo norvegese di negare ulteriore sostegno alla compagnia aerea, Norwegian ha deciso di avviare un processo di esame in Irlanda, ovvero una particolare procedura di protezione del tutto simile al Chapter 11 degli Stati Uniti.

Norwegian Air International Limited (NAI ), e la controllata Arctic Aviation Assets DAC (AAA) otterranno protezione come previsto dal Bankruptcy Act 1988 (legge fallimentare del 1988), come modificato, e dai Personal Insolvency Acts 2012-2015 della legislazione irlandese,per una ristrutturazione concordata.

Boeing B737-800 Norwegian
Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi