Ryanair

Ryanair: in Europa capacità al 40%

Tempo di lettura 2 minuti

Ryanair ha annunciato un ulteriore taglio della capacità nei prossimi mesi, dal 60% precedentemente annunciato al 40%.

A causa delle maggiori restrizioni ed una politica non uniforme a livello europeo, Ryanair si vede costretta a ridurre la capacità da / per gran parte dell’Europa centrale, Regno Unito, Irlanda, Austria, Belgio e Portogallo.

Per le prenotazioni di novembre e dicembre, si riscontra un leggero indebolimento delle prenotazioni, di conseguenza in base al piano di Ryanair di operare con un Load Factor minimo del 70%, Ryanair ha oggi ulteriormente ridotto il suo programma invernale (novembre-marzo) portando la capacità dal 60% al 40% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Ryanair prevede di mantenere fino al 65% della sua rete di rotte invernali, ma con frequenze ridotte. 

Oltre alla chiusura invernale delle basi a Cork, Shannon e Tolosa, Ryanair ha annunciato tagli significativi agli aeromobili di base in Belgio, Germania, Spagna, Portogallo e Vienna.

Il CEO del gruppo Ryanair Michael O’Leary ha dichiarato: “Abbiamo continuato a flettere la nostra capacità in settembre e ottobre per riflettere sia le condizioni di mercato che le mutevoli restrizioni governative, con l’obiettivo di sostenere un fattore di carico del 70%, che ci consente di operare il più vicino possibile al pareggio e ridurre al minimo il cash burn. Sebbene la situazione di Covid rimanga fluida e difficile da prevedere, ora dobbiamo ridurre le nostre previsioni di traffico per l’intero anno a 38 milioni di passeggeri.  Sebbene ci rammarichiamo profondamente per questi tagli agli orari invernali, ci sono stati imposti dalla cattiva gestione dei viaggi aerei dell’UE da parte del governo. Il nostro obiettivo continua a essere quello di mantenere un programma ampio quanto più ragionevole possiamo operare per mantenere i nostri aerei, i nostri piloti e il nostro personale di cabina aggiornati e impiegati riducendo al minimo le perdite di posti di lavoro. È inevitabile, data l’entità di questi tagli, che questo inverno implementeremo più congedi non retribuiti e condivisione del lavoro nelle basi in cui abbiamo concordato una riduzione dell’orario di lavoro e della retribuzione, ma questo è un risultato migliore a breve termine rispetto alla perdita di posti di lavoro . Purtroppo ci saranno più licenziamenti in quel numero limitato di basi dell’equipaggio di cabina, dove non abbiamo ancora raggiunto un accordo sull’orario di lavoro e sui tagli salariali, che è l’unica alternativa.

Nel frattempo, esortiamo tutti i governi dell’UE ad adottare immediatamente e pienamente il sistema di semafori della Commissione europea, che consente di continuare il viaggio aereo sicuro tra gli stati dell’UE su base regionale (senza limitazioni di viaggio difettose) per quei paesi e regioni europee, che sono in grado di dimostrare che i loro tassi di casi Covid sono inferiori a 50 per 100.000 abitanti “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi