Boeing

Dickson, soddisfatto del Max, ma necessarie altre verifiche

Tempo di lettura 4 minuti

L’amministratore della Federal Aviation Administration (FAA), Steve Dickson ha mantenuto una promessa fatta alcuni mesi fa e nella giornata di ieri ha pilotato personalmente il Boeing 737Max per testare gli aggiornamenti ai sistemi di bordo, prima di procedere al rilascio di una nuova certificazione.

Dickson, insieme al vice amministratore della FAA Dan Elwell, ha completato martedì, la documentazione per la procedura relativa alla formazione dei piloti per il Max.

Rimangono a questo punto, una serie di passaggi chiave nella valutazione della FAA, delle modifiche proposte da Boeing al sistema di controllo di volo e all’addestramento piloti, ci vorranno ancora qualche settimana prima che il processo venga concluso.

L’amministratore della FAA Steve Dickson ha pilotato il Boeing 737 MAX a Seattle.

Dickson ha personalmente rilasciato in una conferenza stampa successiva al volo, alcune osservazioni: “La FAA non speculerà su quanto tempo ci vorrà prima che l’aereo venga restituito al servizio passeggeri. Come abbiamo affermato durante il nostro lavoro sul 737 MAX, l’agenzia sta seguendo un processo deliberato e prenderà il tempo necessario per esaminare a fondo il lavoro di Boeing. Annulleremo l’ordine di messa a terra solo dopo che gli esperti di sicurezza della FAA saranno certi che l’aereo soddisfa gli standard di certificazione.

I prossimi step:

Rapporto del Flight Standardization Board (FSB) 

Un Joint Operations Evaluation Board (JOEB) si è recentemente riunito per nove giorni per esaminare l’addestramento proposto da Boeing per gli equipaggi di volo del 737 MAX. Il JOEB era composto da autorità dell’aviazione civile di Stati Uniti, Canada, Brasile e Unione europea. 

I risultati di questa valutazione saranno incorporati nella bozza del rapporto della FAA Flight Standardization Board (FSB), che sarà pubblicato per un commento pubblico nel prossimo futuro. La FAA pubblicherà un rapporto finale dell’FSB dopo aver esaminato e affrontato i commenti pubblici sulla bozza del rapporto dell’FSB.

Documentazione finale del progetto e rapporto del Technical Advisory Board (TAB)

La FAA esaminerà la documentazione del progetto finale di Boeing per valutare la conformità a tutte le normative FAA. Il TAB multi-agenzia esaminerà anche la presentazione finale del Boeing e pubblicherà un rapporto finale prima di una determinazione finale di conformità da parte della FAA.

Notifica di aeronavigabilità continua alla comunità internazionale (CANIC) e AD 

La FAA emetterà un avviso CANIC di importanti azioni di sicurezza in sospeso e pubblicherà un AD finale che affronta i problemi noti per la messa a terra. L’AD avviserà gli operatori delle azioni correttive necessarie prima che gli aeromobili possano rientrare in servizio commerciale.

FAA Rescinds Grounding Order 

Questo segna la messa a terra ufficiale dell’aeromobile, in attesa del completamento da parte degli operatori delle misure attuative specificate nell’AD, insieme a qualsiasi formazione richiesta.

Certificati di aeronavigabilità

La FAA manterrà la sua autorità per rilasciare certificati di aeronavigabilità e certificati di esportazione per tutti i nuovi velivoli 737 MAX fabbricati dopo l’incidente. La FAA eseguirà di persona revisioni individuali di questi velivoli.

Programmi di formazione degli operatori 

La FAA esaminerà e approverà i programmi di formazione per tutti gli operatori della Parte 121.

Queste azioni sono applicabili solo ai vettori aerei statunitensi e agli aeromobili registrati negli Stati Uniti. Sebbene la FAA sia in stretto contatto con le altre agenzie mondiali, queste dovranno intraprendere le proprie azioni per riportare il Boeing 737 MAX in servizio per i loro vettori aerei:  “La FAA garantirà che le nostre controparti internazionali dispongano di tutte le informazioni necessarie per prendere una decisione tempestiva e incentrata sulla sicurezza.

L’amministratore della FAA Steve Dickson ha pilotato il Boeing 737 MAX a Seattle.

Testo del discorso dell’amministratore della FAA Steve Dickson in un briefing con la stampa dopo il volo a bordo del 737 MAX mercoledì 30 ottobre a Seattle.

Buongiorno e grazie per esservi uniti a noi oggi, poco dopo aver preso il timone alla FAA, ho promesso che avrei pilotato il 737 MAX e che non avrei firmato il suo ritorno in servizio finché non mi sarei sentita a mio agio con la mia famiglia.

Ho seguito la stessa formazione che il Joint Operations Evaluation Board ha esaminato durante il suo lavoro all’aeroporto di Londra Gatwick nei giorni scorsi. Questa è stata seguita da una sessione nel simulatore 737 MAX, durante la quale ho avuto l’opportunità di sperimentare una serie di problemi che hanno presentato le emergenze rilevanti che potrebbero verificarsi.

Oggi ho pilotato un profilo di volo simile sull’aereo e voglio chiarire che il mio volo era separato dal processo di certificazione ufficiale che è ancora in corso dalla FAA.

Ho la fortuna di essere circondato da alcuni dei migliori esperti di sicurezza aerea al mondo per consigliarmi sugli aspetti ingegneristici di questo progetto.

Ma sono un pilota e il mio obiettivo nel mondo dell’aviazione è stato la mia esperienza decennale nella parte anteriore dell’aereo. Per me era importante sperimentare in prima persona l’addestramento e la gestione dell’aereo, così posso avere la comprensione più completa possibile mentre continuiamo ad andare avanti con il processo.

Come sapete, abbiamo pubblicato un avviso di proposta di regolamentazione per una direttiva sull’aeronavigabilità che affronterebbe varie questioni di sicurezza che noi ei nostri partner internazionali abbiamo identificato negli ultimi mesi. Il periodo per i commenti su tale NPRM si è concluso il 21 settembre e ora stiamo rivedendo e rispondendo a quei commenti prima di pubblicare una regola finale.

Ci aspettiamo di prendere il contributo del JOEB e di includerlo in un rapporto del Draft Flight Standardization Board, che dovrebbe essere pubblicato per un commento nel prossimo futuro.

So che mi hai sentito dire questo prima, ma la FAA continua ad adottare un approccio approfondito e deliberato nella nostra revisione delle modifiche proposte da Boeing al 737 MAX. Siamo in dirittura d’arrivo, ma ciò non significa che prenderemo scorciatoie per farlo entro una certa data.

La FAA – io – non approverà l’aereo per il ritorno al servizio passeggeri finché non sarò soddisfatto di aver affrontato adeguatamente tutti i problemi di sicurezza noti che hanno avuto un ruolo nella tragica perdita di 346 vite a bordo del volo Lion Air 610 ed Ethiopian Volo 302 delle compagnie aeree.

Non passa giorno in cui io ei miei colleghi non pensiamo alle vittime e alle loro famiglie, e alla nostra solenne responsabilità di farlo bene. E lo faremo bene.

Qui il video del Briefing

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi