Aeroporto BER Brandeburgo

easyJet e Lufthansa inaugureranno la pista del BER

Tempo di lettura 2 minuti

Mancano 9 settimane all’apertura al traffico del nuovo aeroporto di Berlino Brandeburgo BER e sempre maggiori dettagli vengono diffusi alla stampa, sui preparativi e il programma della lungo primo giorno del BER.

Il 31 ottobre saranno due aerei che contemporaneamente, utilizzando le due piste dello scalo, apriranno le operazioni del BER, un volo easyJet ed uno Lufthansa.

Mi preparo a giornate piene di emozioni, felice che sarà proprio un aereo easyJet, che ridimensionerà le operazioni su Berlino, insieme alla compagnia di bandiera della Germania, di cui Berlino è capitale Lufthansa i primi due aerei che vedrò atterrare il 31 a BER.

Venerdì scorso, 28 agosto, il Consiglio di sorveglianza della società di gestione dello scalo di Brandeburgo, si è occupato principalmente dello stato dei preparativi per l’apertura.

Le prove e le simulazione fino a questo momento effettuate, compresa la prova antincendio e di evacuazione della stazione ferroviaria dell’aeroporto posta sotto al Terminal 1, sono state completate con successo senza intoppi.

Un altro punto all’ordine del giorno la crescita nei prossimi anni e gli impatti sulle finanze della società.

Successivamente alla ridenominazione dell’aeroporto di Schönefeld come “BER Terminal 5”, il 25 ottobre, passeranno circa due settimane per l’ultimo volo da Tegel.

L’8 novembre l’aeroporto di Tegel riceverà il saluto delle autorità e della città di Berlino.

Il punto di osservazione di Tegel verrà riaperto nelle ultime settimane prima della fine delle operazioni di volo.

Il Consiglio di Sorveglianza ha discusso per la prima volta le considerazioni preliminari per il budget 2021.

Come già avvenuto quest’anno, è necessario prevedere ulteriori requisiti finanziari a causa della crisi causata dalla pandemia e della grave assenza di traffico aereo.

Il fabbisogno finanziario aggiuntivo di 300 milioni di euro per il 2020 superato all’inizio della pandemia è stato ridotto a circa 250 milioni di euro attraverso drastiche misure di austerità, come il lavoro a tempo ridotto, il congelamento delle assunzioni e tagli di bilancio.

Anche lo sviluppo delle operazioni di volo per il prossimo anno è molto difficile da prevedere a causa della pandemia Covid-19. Pertanto, le questioni finanziarie saranno un argomento chiave nelle prossime riunioni del Consiglio di vigilanza e in particolare nella riunione a porte chiuse del Consiglio di vigilanza a gennaio.

Rainer Bretschneider, presidente del consiglio di sorveglianza di Flughafen Berlin Brandenburg GmbH: “La messa in servizio del BER è ancora sulla buona strada. Potremo mantenere la nostra parola. Ma le sfide finanziarie poste dal coronavirus saranno ancora più al centro dell’attenzione “.

Engelbert Lütke Daldrup, amministratore delegato di Flughafen Berlin Brandenburg GmbH: “Sfortunatamente, non è possibile prevedere in modo affidabile lo sviluppo del traffico per i prossimi anni. Continueremo a lavorare per rendere i nostri processi quanto più efficienti ed economici possibile. Avremo bisogno dell’aiuto dei nostri azionisti negli anni a venire. I preparativi per la messa in servizio stanno andando bene. Gli ultimi anni di meticoloso lavoro stanno ora dando i loro frutti “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi