Ryanair

Il piano di Ryanair prosegue… Francia

Tempo di lettura 2 minuti

Il piano di O’Leary è chiaro da settimane, una posizione aggressiva sul mercato con un dumping sulle tariffe e un taglio dei costi, salari e aeroporti.

In Francia Ryanair ha fatto un passo avanti verso piloti e assistenti di volo e come previsto ha proposto una riduzione dei salari, unica alternativa (Ryanair) il licenziamento di una parte del personale delle basi francesi.

Ai piloti ha proposto dal 1 luglio di ridurre i loro stipendi (fissi e variabili) del 20%, pena la necessità di licenziare parte della sua forza lavoro.

Secondo la proposta i piloti recupererebbero gradualmente il loro stipendio al 100% dopo 5 anni, in questo arco di tempo la riduzione sarebbe in media del 12%.

Ryanair inoltre vorrebbe applicare salari ancora più bassi per i nuovi piloti e copiloti assunti e bloccare gli aumenti fino al 30 giugno 2025 anche per gli assistenti di volo.

Questo ultimatum che non deve sorprendere, è stato presentato alla National Union of Air Line Pilots (SNPL) che dovrà rispondere entro 5 giorni, in caso contrario o di risposta negativa Ryanair licenzierà il 29% dei piloti e il 27% dei copiloti identificati come esuberi.

Il sindacato SNPL non ha molte alternativa se non collaborare all’attuazione di un contratto collettivo di performance “aspettando giorni migliori” e afferma di aver ottenuto in cambio l’impegno di Ryanair a non condurre alcun licenziamento pilota.

Ricordo che Ryanair lo aveva già anticipato per voce di Michael solo pochi giorni fa in un intervista.

Per quanto riguarda gli assistenti di volo il trattamento, la riduzione sarebbe del 10% senza alcun recupero graduale fino al 2025 quando si tornerebbe al 100%.

Inoltre Ryanair ha chiesto di ridurre le ore di lavoro, in un anno da 2.000 ore all’anno a 1.600 ore all’anno, con il risultato di un calo dei salari da 1.539 euro al mese a 1.231 euro al mese, anche per i nuovi entranti.

Ma c’è un problema, la retribuzione minima in Francia ovvero secondo l’Unione nazionale del personale di navigazione commerciale – Forza lavoro (SNPNC-FO) il salario sarebbe inferiore al minimo retributivo previsto dalla legge francese e in un comunicato stampa denuncia un “ricatto al licenziamento” di Ryanair e continue pressioni esercitate sui dipendenti affinché accettino riduzioni dei salari senza la dovuta consultazione.

Il sindacato di maggioranza di Ryanair ha dichiarato di aver chiesto “spiegazioni per giustificare questa perdita di remunerazione prevista”, ma “la società non ha ritenuto importante fornire informazioni precise“.

Ryanair conferma che è in discussione con i sindacati francesisu ragionevoli misure di risparmio di emergenza, comprese riduzioni temporanee di stipendio fino al 20% per i piloti con i salari più alti e fino a 10% per l’equipaggio di cabina, ripristinato proporzionalmente in 5 anni, misure ragionevoli e temporali per preservare il maggior numero possibile di posti di lavoro in un momento in cui tutte le compagnie aeree europee stanno tagliando posti di lavoro per sopravvivere a questa crisi senza precedenti “.

Questo è inaccettabile !” dichiata Master Fiodor Rilov, avvocato per SNPNC-FO Ryanair e CSE. “Non possiamo usare la crisi di Covid come pretesto per attuare tagli significativi ai salari e mettere in discussione tutte le garanzie che i dipendenti sono riusciti a ottenere in pochi mesi dalla difficile gestione. Le riserve di Ryanair sono considerevoli “, ha aggiunto l’avvocato. Ha anche annunciato a RTL che nei prossimi giorni saranno condotti procedimenti legali, come richiesto da SNPNC-FO, in modo che Ryanair “rispetti la legge francese“.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi