Norwegian

La Cina è ora indirettamente azionista di Norwegian

Tempo di lettura < 1 minuto

Il salvataggio di Norwegian sta procedendo dopo la conversione dei debiti con i creditori in azioni della compagnia, interessante il nuovo profilo azionario che vede emergere la Cina.

Tra questi le società di leasing AerCap e BOC Aviation.

Secondo quanto notificato alla Borsa di Oslo, la società di leasing BOC Aviation ora è uno dei maggiori azionisti, la società con sede a Singapore possiede ora una quota del 12,67% in norvegese.

Ma BOC Aviation è controllato da Sky Splendor Limited, che a sua volta è controllato da un braccio di investimento di Bank of China ed eccoci arrivati in Cina, la banca è controllata dal governo della Repubblica popolare cinese.

Prima della ristrutturazione di Norwegian BOC Aviation non avevano interessi finanziari nella compagnia.

La società di leasing irlandese AerCap detiene però una quota maggiore pari ora al 15,9% del capitale sociale e dei diritti di voto, oltre a possedere molti dei Boeing B787 Dreamlier di Norwegian, che sicuramente vorrà vedere nuovamente in volo presto.

Il CEO norvegese Jacob Schram ha affermato che la ristrutturazione offre alla compagnia aerea una piattaforma per continuare, ma ha sottolineato le sfide future: “I mesi a venire rimarranno impegnativi e con un alto grado di incertezza per il settore. La norvegese dovrà ancora collaborare strettamente con un certo numero di creditori poiché la società attualmente ha entrate limitate.

Quelle entrate limitate sembrano destinate a continuare per molti mesi. Prima della ristrutturazione, Schram ha annunciato che la società avrebbe operato in “modalità di ibernazione” per il resto del 2020 e che le operazioni complete non sarebbero riprese fino al 2022.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi