Lauda

Michael O’Leary minaccia pubblicamente la chiusura di Lauda

Tempo di lettura < 1 minuto

Alla lettera interna di Andreas Gruber e David O’Brien si è aggiunta una dichiarazione di Michael O’Leary in un intervista all’agenzia Reuters.

Abbiamo dato loro fino al 20 maggio per accettare tagli significativi alle retribuzioni e un nuovo CLA, Ryanair a Vienna sarà più grande e più cattiva di quanto non sia mai stata Lauda“, ha detto O’Leary.

Anche Michael O’Leary quindi si espone, minacciando pubblicamente di chiudere l’unica base Lauda all’Aeroporto di Vienna (VIE)

Nel frattempo Ryanair ha già trasferito gli slot di Lauda a se stessa.

Ma il sindacato Visa, che rappresenta i lavoratori delle industrie dei trasporti e dei servizi in Austri, non si da per vinta e promette battaglia con Ryanair per difendere i dipendenti Lauda, per i quali il Servizio pubblico per l’impiego in Austria (AMS) ha già respinto la proposta di licenziare tutti i 550 dipendenti nell’aprile 2020.

Il sindacato però è disponibile ad accettare condizioni contrattuali diverse dalle attuali per un breve periodo.

Ryanair però vorrà a tutti i costi allineare i contratti e i costi di Lauda a quelli della compagnia irlandese.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi