Coronavirus Covid-19

EASA raccomandazioni operative coronavirus, “SARS-CoV-2”

Tempo di lettura 5 minuti

La EASA ha pubblicato un aggiornamento* del bollettino SIB2020-02R2 del 28 febbraio 2020, indicante le procedure consigliate, ma non obbligatorie, da attuare per limitare la diffusione del contagio da Covid-19.

Le procedure sono state elaborate coerentemente con la pubblicazione del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC)**

Applicabilità: autorità aeronautiche nazionali (NAA), compagnie aeree e aeroporti

A seguito dell’evoluzione della pandemia di coronavirus (SARS-CoV-2), sulla base dei rapporti pubblicati dall’OMS, l”Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO) e l’ECDC, l’EASA hanno emesso questo SIB, fornendo raccomandazioni agli operatori NAA.aeronautici e aeroportuali al fine di ridurre il rischio di diffusione di COVID-19

L’AESA sta monitorando attentamente gli sviluppi relativi all’epidemia di SARS-CoV-2 ed è attivamente impegnata con l’OMS, l’ICAO e la Commissione europea (CE), in particolare la DG SANTE e la DG MOVE. Di conseguenza, gli ultimi orientamenti e raccomandazioni emessi da EASA, OMS, ECDC e ICAO dovrebbero essere considerati nel contesto di questo SIB.

Garantire la continuità aziendale a tutti i livelli è una parte essenziale della gestione delle crisi.

In questo caso particolare la continuità delle attività connesse alla salute è direttamente collegata alla continuità delle attività di trasporto in quanto ciò ha un impatto diretto sulla disponibilità dei farmaci richiesti, dei dispositivi di protezione e degli esperti medici.

L’AESA desidera sottolineare l’importanza di un approccio coordinato alla gestione delle crisi a livello dell’UE.

Si prevede che la SIB sarà applicabile fino al momento in cui l’OMS valuterà il SARSCoV-2 epidemia come chiusa.

Gli operatori aerei e gli operatori aeroportuali dovrebbero fornire informazioni ai membri dell’equipaggio e personale aeroportuale per la gestione di un caso con infezione respiratoria acuta a bordo di un velivoli.

Per i membri dell’equipaggio, compresi quelli coinvolti in operazioni di carico o umanitarie, richiesto sosta in un’area interessata (cfr. nota 2 della presente SIB), gli operatori aerei dovrebbero fornire le informazioni e i materiali necessari come raccomandato dalle autorità locali per i loro abitanti. Inoltre, gli operatori aerei dovrebbero adottare le misure appropriate per ridurre al minimo il rischio di contaminazione dei membri dell’equipaggio durante le soste e gli scali conformemente al principi stabiliti negli Orientamenti dell’AESA sulla gestione dei membri dell’equipaggio.

EASA SD 2020 01 e 02 impone la disponibilità degli UPK per l’uso a bordo dell’aeromobile

In aereo

operatori coinvolti nel trasporto aereo commerciale di passeggeri che arrivano da aree ad alto rischio come definito nell’allegato 1 delle SD. Inoltre, gli operatori aerei effettuano passeggeri i voli da o verso le aree interessate (vedere la nota 2 della presente SIB) dovrebbero essere dotati di uno o più UPK.

Tali kit possono essere utilizzati per proteggere i membri dell’equipaggio che assistono potenzialmente casi infettivi di sospetto COVID-19 e nel ripulire e scartare correttamente qualsiasi potenziale oggetto infettivo.

Gli operatori aerei, indipendentemente dall’area delle operazioni degli aeromobili, dovrebbero fornire una fornitura sufficiente di maschere per le operazioni previste, con la qualità che soddisfa almeno gli standard chirurgici.

Le maschere devono essere sempre indossate dai membri dell’equipaggio che hanno un contatto diretto con i passeggeri o altre persone che non fanno parte dell’equipaggio.

Le maschere devono essere sostituite regolarmente (a intervalli non superiori a 4 ore o come raccomandato dal produttore della maschera).

Gli operatori aerei e gli operatori aeroportuali dovrebbero preparare prontamente soluzioni disinfettanti per le mani disponibile nei servizi igienici e nelle sale d’attesa per essere utilizzato dai loro dipendenti e passeggeri.

Gli operatori aerei che effettuano voli passeggeri dovrebbero incoraggiare il personale e i membri dell’equipaggio a far identificare i passeggeri che soddisfano i seguenti criteri: con segni e sintomi indicativi di infezioni respiratorie acute come febbre, tosse persistente o difficoltà respiratorie e presenza in aree interessate o in contatto con persone potenzialmente infette da SARS-CoV-2 o con persone che arrivano da un’area interessata entro 14 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi.

Nel caso in cui venga identificato un passeggero sintomatico

1. seguire i principi di base per ridurre il rischio generale di trasmissione delle vie respiratorie acute, come presentate nella Guida EASA sulla gestione dei membri dell’equipaggio nel OMS Considerazioni operative per la gestione dei casi COVID-19 o epidemie nel settore dell’aviazione.

2. utilizzare la parte relativa alla salute della dichiarazione generale dell’aeromobile per registrare le informazioni sanitarie a bordo e presentarlo alle autorità sanitarie del punto di ingresso quando richiesto da uno Stato rappresentante;

3. riferire all’aeroporto di destinazione che hanno a bordo un passeggero che presenta sintomi suggestivi di COVID-19 e seguire le istruzioni ricevute;

4. chiedere ai passeggeri di compilare i moduli della scheda di localizzazione passeggeri (PLC), ove richiesto così dalle autorità sanitarie pubbliche dell’aeroporto di arrivo, al fine di raccogliere informazioni

5. gestire il caso sospetto in linea con i principi presentati nella Guida dell’AESA su Gestione dei membri dell’equipaggio.

E’ consigliabile l’uso di guanti monouso per gli equipaggi, in particolare nelle situazioni in cui non sia possibile lavare frequentemente le mani, i guanti devono essere cambiati regolarmente nelle modalità previste dallo smaltimento dei rifiuti pericolosi biologici.

Distanziamento

Gli operatori aerei che effettuano voli passeggeri dovrebbero, ove possibile, distribuire i passeggeri nell’aeromobile, garantendo il più possibile una distanza congrua da quella prevista dalla comunità scientifica per prevenire il contaglio.

Dove non possibile sarebbe consigliabile richiedere obbligatoriamente l’uso delle mascherine ai passeggeri.

Il distanziamento dovrebbe essere garantito anche in fase di imbarco almeno di 2 metri o uso della mascherina.

Trattamento dell’aria

Introdurre una procedura supplementare (per quanto possibile, previa consultazione del costruttore) per spegnere periodicamente i ventilatori di ricircolo nel sistema di climatizzazione, per accelerare il ricambio di aria in cabina, che già normalmente è frequente, come nel caso di Airbus, un ricambio completo dell’aria ogni 3 minuti.

I filtri HEPA (High Efficiency Particulate Air) hanno dimostrato buone prestazioni con le particelle della dimensione del virus SARS-Cov-2 (circa 70-120 nm).

Si raccomanda l’uso di tali filtri (di cui tutti gli aeromobili moderni dovrebbero già essere dotati).

Accesso all’aeromobile

Da limitare il più possibile l’accesso in aereo del personale esterno, utilizzare il più possibile i documenti elettronici (EFB).

Pulizia

Gli operatori aerei dovrebbero considerare di aumentare la frequenza della pulizia dell’aeromobile, gli operatori aerei e i loro fornitori dovrebbero utilizzare sostanze detergenti, approvate per uso aeronautico, che si sono dimostrate efficaci durante la precedente infezione di coronavirus SARS e MERS.

Inoltre, in questo caso dovrebbe essere data la dovuta considerazione contesto, alla guida dell’AESA sulla pulizia e la disinfezione degli aeromobili, l’Oms Operational considerazioni per la gestione dei casi COVID-19 o epidemie nel settore dell’aviazione e dell’ECDC guida per la pulizia ambientale in strutture non sanitarie esposte a SARS-CoV-2.


Note

*L’11 marzo 2020, l’OMS ha valutato l’attuale SARS-CoV-2 come una pandemia. Come risultato di questo decisione e delle relazioni ricevute dagli Stati membri e dall’industria, l’AESA ha emesso due Direttive di sicurezza (SD) per affrontare la gravità della situazione e prevenire la diffusione di Infezione da `SARS-CoV-2` del coronavirus:

EASA SD 2020-01 fornisce gli obiettivi di sicurezza per l’EASA Stati membri e misure raccomandate per raggiungere tali obiettivi.

EASA SD 2020-02 rispecchia le misure raccomandate nella SD 2020-01 e richiede la disponibilità di Kit di precauzione universale (UPK) a bordo e pulizia e disinfezione del paese terzo aeromobili degli operatori coinvolti nel trasporto aereo commerciale di passeggeri che arrivano da aree ad alto rischio come definito nell’allegato 1 delle SD.

** https://www.ecdc.europa.eu/en/novel-coronavirus-china

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi