Delta

I piani di Delta per diventare carbon neutral

Tempo di lettura 2 minuti

A partire dal 1 ° marzo 2020, Delta Air Lines investirà $ 1 miliardo nei prossimi 10 anni per mitigare tutte le emissioni dell’intera sua rete di voli.

L’approccio di Delta alla lotta contro la riduzione e la sostenibilità del carbonio riflette l’attenzione e il rigore per cui è diventata nota e che ha usato per costruire una compagnia aerea finanziariamente sicura. 

Non c’è sostituto per il potere che il viaggio ha di connettere le persone, di cui il nostro mondo ha bisogno oggi più che mai. Mentre connettiamo clienti in tutto il mondo, è nostra responsabilità mantenere la nostra promessa di riunire le persone e garantire la massima cura per il nostro ambiente “, ha affermato Ed Bastian, CEO di Delta. “Ora è il momento di accelerare i nostri investimenti e stabilire un impegno ambizioso che l’intero team Delta garantirà.

Non ci sono sfide che affrontiamo che hanno più bisogno di innovazione della sostenibilità ambientale e sappiamo che non esiste un’unica soluzione. Stiamo approfondendo i problemi, esaminando ogni angolo della nostra attività, coinvolgendo esperti, costruendo coalizioni, promuovendo partenariati e promuovendo l’innovazione “, ha affermato Bastian. “Siamo in viaggio e, sebbene oggi non abbiamo tutte le risposte, sappiamo che la nostra scala, insieme agli investimenti di tempo, talento e risorse porterà un impatto significativo sul pianeta e garantirà la sostenibilità della nostra attività per decenni venire.

L’industria aeronautica rappresenta circa il 2 percento delle emissioni globali di biossido di carbonio. L’impronta di carbonio di Delta è il suo maggiore impatto ambientale, con il 98 percento delle emissioni provenienti dai suoi aerei. Ecco come Delta sta concentrando i suoi sforzi per diventare carbon neutral:

  • Riduzione del carbonio: riduzione dell’impronta di carbonio di Delta attraverso sforzi a livello aziendale per ridurre l’uso di carburante per jet e aumentare l’efficienza. Le aree di interesse includono un ambizioso programma di rinnovo della flotta, migliori operazioni di volo, riduzione del peso e aumento dello sviluppo e dell’uso di carburanti per l’aviazione sostenibili.
  • Rimozione del carbonio: Investire in progetti e tecnologie innovativi per rimuovere le emissioni di carbonio dall’atmosfera che vanno oltre gli impegni attuali della compagnia aerea e studiare le opportunità di rimozione del carbonio attraverso la silvicoltura, il ripristino delle zone umide, la conservazione delle praterie, l’acquisizione di acque marine e del suolo e altre tecnologie di emissioni negative.
  • Coinvolgimento degli stakeholder: costruire coalizioni con i nostri dipendenti, fornitori, partner globali, clienti, colleghi del settore, investitori e altre parti interessate per far avanzare gli obiettivi di riduzione e rimozione del carbonio e massimizzare il nostro impatto globale.

“Quando i clienti scelgono di volare con Delta, dovrebbero sentire che stanno facendo una dichiarazione sulla cura del nostro pianeta”

… ha detto Bastian. “Il nostro impegno per la neutralità del carbonio significa che volare con Delta rappresenta molto più di una grande esperienza di viaggio: si tratta di unire le armi per creare un mondo migliore“.

La strategia sul carbonio di Delta terrà conto delle emissioni in tutte le sue attività, sia in volo che a terra. L’investimento di Delta creerà nuovi progetti e metodi per ridurre la sua impronta di carbonio, favorire le comunità globali e rendere più facile per altre organizzazioni esplorare opzioni simili per affrontare le proprie impronte di carbonio, il tutto riducendo al minimo la dipendenza dai mercati limitati di oggi. Per supportare questa strategia, Delta assegnerà parte del proprio impegno finanziario a veicoli di investimento, incluso un fondo dedicato incentrato sul raggiungimento delle sue ambizioni carbon neutral.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi