Ukraine Int. Airlines UIA

B737 Ukraine International Airlines precipitato, cosa si sa?

Tempo di lettura 3 minuti

Neanche il tempo di diffondere la notizia e annunciare le numerose dichiarazioni di cordoglio per le vittime, che è subito iniziata la speculazione su Boing, già sofferente per il Max e non solo.

Forse è il caso di fare un po di chiarezza, su quello che fino ad ora si sa sul B737 NG di appena 3 anni di vita, precipitato la scorsa notte subito dopo il decollo da Teheran in Iran.

167 passeggeri e nove membri dell’equipaggio morti, 82 iraniani, 63 canadesi e 11 ucraini, oltre a 10 passeggeri svedesi, quattro afgani, tre tedeschi e tre cittadini britannici.

come prima cosa è giusto non confondere il Boeing 737-800 con il B737 Max, sono due aerei seppur simili, non paragonabili e diversi.

E’ altresì vero che anche gli NG ovvero dalla versione 600 in poi del B737 potrebbero avere qualche problema alle pickle fork, ma sicuramente da escludere, questa possibilità come causa dell’incidente, in quanto le ore di volo del velivolo escludono il problema.

Secondo il Telegraph, il pilota aveva tentato di portare l’aereo verso un campo di calcio, in fase di caduta, onde evitare ulteriori morti, in zone abitate.

La compagnia ha da subito escluso un errore del pilota, ma solo l’analisi delle scatole nere che il governo iraniano si sta rifiutando di inviare a Boeing e “agli americani” possono escluderlo.

Un attentato? da escludere, un missile ?mon da escludere ( per errore) un guasto tecnico? possibile.

Non tutti gli aeroporti sono uguali, per molti serve un adeguata preparazione, un addestramento nel simulatore e non tutti i piloti sono abilitati.

Questo è il caso dell’aeroporto di Teheran e lo conferma Ihor Sosnovsky, vicepresidente delle operazioni UIA,

L’aeroporto di Teheran è tutt’altro che semplice. Pertanto, da diversi anni l’UIA utilizza questo aeroporto per condurre l’addestramento su aeromobili Boeing 737 allo scopo di valutare la competenza dei piloti e la capacità di agire in casi di emergenza.

Secondo i nostri registri, l’aereo è salito fino a 2400 metri.

Data l’esperienza dell’equipaggio, la probabilità di errore è minima. Non consideriamo nemmeno questa possibilità.

Iran

L’escalation per ora solo verbale, nonostante la risposta dell’Iran che ha colpito due basi americane in Iraq allo scopo di dimostrare agli USA di essere in grado di attaccare meticolosamente obbiettivi americani, rende la situazione più complessa di quella che si viene a creare normalmente in caso di incidente.

Solo nei prossimi giorni sapremo quindi se la posizione dell’Iran cambierà, per ora stanno raggiungendo il luogo dell’incidente, esperti Ucraini

Gli USA dovrebbero essere sicuramente parte in causa in quanto il velivolo è stato prodotto negli Stati Uniti da un produttore americano e certificato dalla FAA, ma anche l’Iran, nazione in cui è avvenuto lil disastro, l’Ucraina, nazione in cui ha sede il vettore, ma anche il Canada, a bordo oltre 60 passeggeri canadesi.

Uno dei centri più riconosciuti al mondo per l’analisi delle scatole nere si trova in Francia, verrò inviata li ?

Le dichiarazioni di Ukraine International Airlines

Oggi, l’8 gennaio 2020, un aereo “Ukraine International Airlines” durante il volo PS752 da Teheran a Kiev è scomparso dai radar pochi minuti dopo la partenza dall’aeroporto internazionale di Tehran.

L’aereo è partito dall’aeroporto internazionale di Teheran alle 06: 10 ore. Ora locale dell’Iran.

Secondo i dati preliminari, a bordo c’erano 167 passeggeri e 9 membri dell’equipaggio. I rappresentanti UIA stanno attualmente chiarendo il numero esatto di passeggeri a bordo.

Gli elenchi dei passeggeri saranno pubblicati sul sito Web della compagnia aerea dopo la conferma definitiva della loro presenza a bordo dell’aeromobile.

La compagnia aerea esprime le sue più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime dell’incidente aereo e farà tutto il possibile per sostenere i parenti delle vittime. Con effetto immediato, l’UIA ha deciso di sospendere i suoi voli per Teheran fino a nuovo avviso.

Alle 09:30, UIA in stretta collaborazione con le autorità aeronautiche, adotta tutte le misure per determinare le cause dell’incidente aereo. Parallelamente, la compagnia aerea contatterà i parenti dei passeggeri, fornendo tutta l’assistenza possibile nella situazione attuale.

Il volo è stato operato su un aeromobile Boeing 737-800 NG (registrazione UR-PSR). L’aeromobile è stato costruito nel 2016 e consegnato direttamente alla compagnia aerea dal produttore. L’ultima manutenzione programmata dell’aeromobile è avvenuta il 06 gennaio 2020.

La compagnia aerea ha inoltre fornito una guida ai passeggeri che intendevano viaggiare da o verso Teheran. In esso, l’UIA afferma che i passeggeri verranno reindirizzati, ove possibile, o offriranno un rimborso completo.

Concludendo, nulla al momento può dare la certezza della causa che ha provocato lo schianto.

Fino al momento in cui verranno rilasciati ulteriori dettagli e solo nel caso verrà riscontrato un problema al velivolo e non un guasto tecnico non prevedibile, si potrà accusare Boeing o altri soggetti, allo stato dei fatti quindi è ingiusto e superficiale, diffondere false notizie o speculare sui soggetti che potrebbero in una fase successiva essere coinvolti.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi