easyJet

easyJet annuncia un ritorno in Tunisia nel 2020

Tempo di lettura 2 minuti

easyJet ha annunciato che tornerà nella località balneare di Enfidha in Tunisia a partire dalla prossima estate.

Come altre compagnie aeree europee, la compagnia LC inglese ha sospeso i voli verso la Tunisia seguendo l’alleata del Foreign Office a seguito di un attacco terroristico del 2015 che ha causato la morte di 38 persone.

L’attacco terroristico

L’attacco del cosiddetto gruppo dello Stato islamico a Port El Kantaoui, vicino a Sousse, ha preso di mira i turisti britannici che alloggiavano nel Riu Imperial Marhaba a cinque stelle.

Una mancanza di protezione da parte delle forze di sicurezza tunisine è stata esaminata attentamente dal Ministero degli Esteri britannico che ha consigliato ai cittadini del Regno Unito di non recarsi nella nazione nordafricana.

Le restrizioni di viaggio sono state revocate nel 2017, ma solo da 2020 in seguito ad una decisione del vettore riprenderanno i voli, sicuramente anche a causa dell’accellerazione per easyJetHolidays dopo il fallimento del più grande tour operator britannico Thomas Cook.

Dal 2 maggio easyJet tornerà a volare su NBE aeroporto internazionale Enfidha-Hammamet nel Golfo di Hammamet da Londra Gatwick LGW.

La notizia faceva parte di un annuncio che metteva in evidenza le 25 nuove rotte delle compagnie aeree Airbus per la prossima estate, che per la prima volta includono anche voli per la capitale albanese di Tirana.

12 nuove rotte easyJet dal Regno Unito per la summer 2020


Parlando delle 12 nuove rotte che la compagnia aerea offrirà dal Regno Unito, il manager britannico Ali Gayward ha dichiarato: “Ci aspettiamo che le nostre nuove destinazioni siano particolarmente popolari tra i clienti, offrendo qualcosa di diverso dalle tipiche vacanze a secchiello”.

“Stiamo continuando a fornire una rete di destinazioni che offrono ai nostri clienti flessibilità e scelta, sottolineando il nostro impegno a fornire le destinazioni desiderate dai nostri clienti.”

La sicurezza in Tunisia è migliorata

Nel rimuovere le restrizioni di viaggio in Tunisia nel 2017, un portavoce del Foreign Office di Londra ha dichiarato:

“Dall’attacco terroristico a Sousse nel giugno 2015, che ha colpito i turisti, il governo del Regno Unito ha lavorato a stretto contatto con le autorità tunisine per indagare sull’attacco e sulla più ampia minaccia dei gruppi terroristici. Il governo tunisino ha migliorato la sicurezza protettiva nelle principali città e località turistiche “.

Tunisia meno cara di altre destinazioni del Mediterraneo

Lentamente i turisti hanno iniziato a tornare in Tunisia attratti da beni e servizi a prezzi del dinaro tunisino che lo rendono meno costoso rispetto ad altre destinazioni del Mediterraneo.

La Tunisia ha anche più di 1.000 chilometri di spiagge sabbiose incontaminate e, a differenza della Costa spagnola, ha molto spazio per tutti.

Il paese ha anche alcuni meravigliosi siti storici antichi che includono Cartagine e luoghi utilizzati nel film di successo del 1997 “The English Patient”.

Turismo in crescita

Gli ultimi dati sul turismo del Ministero del turismo tunisino hanno mostrato che nel primo trimestre del 2019 quasi 600.000 visitatori sono arrivati con un aumento del 17% rispetto all’anno precedente.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi