easyJet

a Liverpool un passeggero è salito in un volo…

Tempo di lettura 2 minuti

E’ successo ieri all’aeroporto di Liverpool, dove i gate di imbarco di easyJet sono riservati in un apposita aerea dell’aeroporto.

Senza l’uso di finger o autobus, ma come avviene in altri aeroporti e anche per altre compagnie, a piedi seguendo un percorso dal gate all’aereo.

I passeggeri sono stati costretti a sbarcare dall’areo quando un passeggero che doveva imbarcarsi sul volo per Jersey si è invece imbarcato su quello per Belfast, entrambi i voli erano in fase di imbarco, la partenza era prevista con lo stesso orario alle 7:40.

Molto improbabile che l’errore sia stato fatto in fase di controllo della carta di inbarco, in quanto il controllo viene effettuato con la scansione del QRcode ed in caso di Boarding Pass errata il sistema visualizza una luce rossa ed un suono di errore.

Esclusa a priori easyJet, in quanto non effettua le procedure di imbarco, affidate alla società di handling, rimane il dubbio sulla possibilità che il passeggero, in fase di imbarco si possa essere recato verso l’aereo sbagliato avendo comunque la possibilità di “muoversi quasi liberamente” nelle piazzole dell’aeromobile.

In basso i gate e le piazzole utilizzate da easyJet all’aeroporto John Lennon di Liverpool

In diversi aeroporti infatti i percorsi non sono delimitati e guidati e quindi potrebbe anche verificarsi questo tipo di problema, involontariamente dal passeggero o anche volontariamente, questo tipo di imbarco è spesso utilizzato nei piccoli aeroporti, dove l’aeromobile viene parcheggiato immediatamente nelle vicinanze del gate e non è presente un finger.

In diversi casi per ridurre i costi operativi con le società di handling ed aeroportuali, viene utilizzato questo sistema anche in presenza di finger, l’uso del finger potrebbe avere un costo maggiore e tutto dipende dagli accordi commerciali e dai contratti stipulati.

L’errore di sicurezza, che un passeggero ha definito “patetico”, ha comportato un ritardo del volo in Jersey di circa 25 minuti.

EasyJet sta comunque indagando su come si possa essere verificato l’errore, che forse come ho detto prima, errore non è ma solo una piccola falla sulla gestione degli imbarchi che avvengono senza l’uso di finger.

Un portavoce di EasyJet ha affermato che l’azienda “lavora a stretto contatto con tutti i nostri aeroporti per garantire la sicurezza di tutti i passeggeri. Non appena l’errore è stato realizzato a bordo prima della partenza, è stato predisposto per il passeggero l’imbarco sul volo corretto. Attualmente stiamo studiando come il passeggero è stato in grado di imbarcarsi sul volo sbagliato.”

Un portavoce dell’aeroporto ha dichiarato che “stava lavorando con la compagnia aerea e l’agente di rampa, per indagare ulteriormente sulle circostanze”.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi