Air France

Air France, retrofit parziale per A320 e A321

Tempo di lettura 2 minuti

Un aeromobile, può volare per più di 20 anni, se vengono correttamente seguite tutte le indicazioni sulla manutenzione periodica di tutte le sue componenti.

Alcune di queste, come i motori devono essere cambiati dopo un numero di ore di volo prefissati, ma anche la cabina, ha bisogno circa ogni 10 o 15 anni, di un restyling, che in gergo tecnico aviation viene chiamato “retrofit“.

Retrofit

Air France ha deciso di programmare un retrofit parziale per i suoi modelli A320 e A321, gli A319 sono stato esclusi perchè verranno sostituiti da nuovi aeromobili, in particolare con l’A220.

Il retrofit è previsto per le cappelliere, verranno istallate quelle progettate e realizzate da SOFOS, le ECOS.

Entro settembre 2020 secondo le previsioni di Air France tutti gli A320 avranno le nuove cappelliere, che renderanno più fluido ed efficiente lìimbarco, oltre che offrire un servizio più comodo ai passeggeri.

La richiesta dei passeggeri di imbarcare solo il bagaglio a mano, in cabina ovviamente, è crescente, l’uso delle cappelliere ECOS, dovrebbe rispondere meglio a tale richiesta.

Più spazio

Secondo un comunicato stampa di Air France, il sistema ECOS a bordo dell’A320 consente lo stivaggio di 166 sacchi rispetto ai 104 di un sistema convenzionale.

A bordo del modello A321, 192 bagagli vengono riposte utilizzando ECOS rispetto alle 113 di oggi. 

il sistema ECOS a bordo dell’A320 consente lo stivaggio di 166 sacchi rispetto ai 104 di un sistema convenzionale. A bordo del modello A321, 192 bagagli vengono riposte utilizzando ECOS rispetto alle 113 di oggi. 

I vantaggi derivanti dal nuovo sistema in cabina sono, certamente, diversi:

  • Il carico di lavoro dell’equipaggio è ridotto;
  • i passeggeri si lamentano meno e si creano meno ingorghi in fase di imbarco e sbarco che sarà più semplice;
  • i tempi di imbarco potrebbero essere ridotti, consentendo così una maggiore efficienza operativa.

E ora capiremo il perchè tutto questo potrà essere possibile grazie al sistema ECOS di Safran

ECOS

Il sistema ECOS è progettato da Safran Cabin, una società che si occupa di produrre equipaggiamenti e accessori per cabine di aeromobili.

Oltre alle cappelliere quindi, Safran realizza le cucine, servizi igienici e pareti divisorie per aerei, ma anche i sedili.

L’efficiente Open Space Cabin di Safran Cabin è considerato tra gli addetti  del settore come una sorta di innovazione in termini di stivaggio “al limite”.

Il caricamento verticale apporta un 60% in più di capacità rispetto al caricamento orizzontale di una cappelliera convenzionale.

L’innovazione della cappelliera ECOS sta anche nell’indicare quando c’è ancora spazio, o questo è esaurito, mediante una luce per ogni comparto che indica con una luce verde che c’è ancora spazio.

Le cappelliere inoltre sono anche più accessibili, poste più in basso, rispetto alle attuali.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi