Airbus

Airspace Connected Experience, Aibus lo testa in volo

Tempo di lettura < 1 minuto

Airbus ha iniziato i test in volo del suo nuovo sistema Airspace Connected Experience.

Airspace Connected Experience è il progetto di Airbus per un evoluzione tecnologica della connettività di bordo in un ottica IoT “Internet of Things”

Airspace Connected Experience non è solo un pacchetto di servizi per il passeggero, ma un sistema complesso e completo che connette tutte le partii dell’aeromobile, non solo i sistemi di volo, ma anche le componenti della cabina, dai singoli sedili alle cappelliere ai componenti della galley.

Il sistema è in fase di test a bordo di un  A350-900 Flight Lab che a breve verrà presentato ai clienti.

Airbus è il primo produttore di aeromobili a effettuare prove in volo con l’aggiunta delle funzionalita IoT in cabina.

La piattaforma, nota come Airspace Connected Experience, è stato presentato all’APEX Expo lo scorso anno ed introdurrà una nuova esperienza personalizzata per i passeggeri, con servizi di bordo più efficenti, migliorando le performance operative di bordo.

Il 350 Flight Lab è uno dei velivoli di prova di volo certificati A350-900 originali – MSN002 , è dotato di una cabina Airspace il nuovo layout di cabina di Airbus che si presta ad essere la piattaforma ideale per valutare Airspace Connected Experience.

Non a caso Experience, ed infatti nel progetto sono stati coinvolti tutti i partner di Airbus che collaborano per la dotazione interna delle cabine, come Recaro con i nuovi prototipi dell’iSeat connesso con il sistema di bordo, gategroup per gli accessori che compongono la galley,

Verrà anche testato il nuovo “backbone IoT” di Airbus che include una piattaforma software aperta.

Per saperne di più sulla piattaforma Airspace Connected Experience.

E se invece volete scoprire la nuova cabina Airspace e il CDC di Airbus ad Amburgo.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi