Ryanair

Ryanair apre un procedimento legale contro Bellow

Tempo di lettura 2 minuti

Immaginavo che la decisione di Peter Bellow, di lasciare Ryanair per diventare il nuovo COO di easyJet, avrebbe provocato delle conseguenze e una reazione della stessa Ryanair.

O’leary lo vedeva già come il suo successore, e sarà rimasto abbastanza sorpreso ed infastidito della scelta del suo secondo, e potrei anche pensare che lo abbia saputo dal comunicato stampa di easyJet che con soddisfazione ne comunicava l’ingresso.

Ryanair ha avviato un procedimento legale, di cui non è ancora nota la motivazione, presso l’alta corte irlandese.

Immagino che il motivo siano cavilli legali e contrattuali che legano i dirigenti, non solo ad un lungo preavviso, ma ad accordi di non concorrenza, come lo stesso O’leary durante l’ultima conference call con gli analisti, si è limitato a commentare, rispondendo ad una domanda che gli era stata posta, in riferimento all’uscita di Bellew:

“Tutti gli alti dirigenti di Ryanair hanno periodi di risoluzione o preavviso piuttosto lunghi nei loro contratti. Nel caso di Peter, attualmente sono sei mesi.

Hanno un accordo di non concorrenza piuttosto esteso, che deriva dagli schemi di opzioni su azioni che hanno concordato e ricevuto per un periodo di tempo.

Quindi mi aspetto che nessun dirigente di Ryanair si trasferisca in una compagnia aerea competitor, per un periodo di tempo ragionevolmente lungo.

Stiamo dialogando con Peter sul suo periodo di risoluzione, ma non ci sarà alcun movimento da parte nostra su quelli che sono accordi ragionevolmente estesi e di non concorrenza anche dopo il periodo di risoluzione

Il quotidiano irlandese Thejournal.ie ha richiesto un commento all’ufficio stampa Ryanair che però non ha risposto.

Sempre O’leary, nonostante son convinto che la notizia non lo avessi sicuramente reso felice, aveva commentato così la decisione di Bellew:

“L’unico aspetto positivo di questa notizia è che nessuno dovrà ascoltare Peter cantare o suonare di nuovo mai più”, ha scherzato O ‘Leary, molto probabilmente in riferimento al modo di suonare la chitarra di Bellew.

Per saperne di più su Bellew e la notizia del suo passaggio in easyJet leggi questo articolo.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi