Ryanair

Ryanair, profitti in calo del 21%

Tempo di lettura < 1 minuto

Un aumento dei costi complessivi del 19%, dovuti principalmente all’aumento dei costi del carburante (+24%) e al consolidamento dell’operazione per l’acquisizione Laudamotion.

La holding Ryanair, che oggi include anche Malta Air, Lauda e Buzz, ha infatti registrato utili post tasse per 243 milioni di euro, in discesa del 21% rispetto al periodo aprile-giugno 2018.

E’ la motivazione principale che spiega il calo dei profitti nel primo trimestre dell’anno fiscale chiuso lo scorso giugno.

Il calo delle tariffe medie del 6% è stato compensato in parte dalla crescita dei ricavi dalle ancillari (+27% per 0,8 miliardi di euro) e dell’aumento dei pax, saliti a quota 42 milioni +11%.

Il ricavo medio per passeggero è quindi rimasto sostanzialmente stabile attorno ai 55 euro.

I mercati più deboli sono quello tedesco dove Lufthansa completata l’acquisizione di Air Berlin, ha fatto crescere l’offerta di posti con un conseguente calo del costo del biglietto medio a causa dell’eccessiva offerta, mentre il Regno unito in particolare per i timori della Brexit.

I Ricavi della Holding Ryanair sono invece in crescita di 2,3 milioni di euro +11% , si stimano profitti post-tasse tra i 750 e i 950 milioni di euro.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi