Airbus

Più autonomia per gli Airbus A220

Tempo di lettura 2 minuti

Le due versione dell’ Airbus A220, ovvero l’ex Bombardier CSJ, aerei di ultimissima concezione, con quella che definirei una delle cabine più belle mai viste, sono state migliorate, aumentandone l’autonomia di circa 850 km.

La famiglia A220 ora composta da due versioni, nel 2020 subirà un aggiornamento, con l’introduzione di nuovi modelli.

L’Airbus A220 è il più piccolo della famiglia, a corridoio singolo con una configurazioni di posti che può variare da 100 a 150 posti, in due versioni A220-300 e A220-100.

Di seguito la cabina del A220-100 Swiss con cui ho volato da VCE a ZRH

Un concentrato di efficenza e aerodinamicità, l’utilizzo di materiali avanzati come fibra di carbonio e i motori turbofan PW1500G di ultima generazione Pratt & Whitney, garantiscono una riduzione dei consumi del 20%.

Aumentando il limite di peso massimo al decollo (MTOW *) fino a Il peso massimo di 2.268 kg (2,3 tonnellate metriche)l’autonomia di conseguenza sarà aumentata rispettivamente a 3.350nm per A220-300 e 3.400nm per A220-100, circa 450nm (850 km).

Christian Scherer, Chief Commercial Officer, Airbus: “Nella vera tradizione Airbus miglioriamo costantemente i nostri prodotti. Questo nuovo MTOW consentirà agli operatori di raggiungere mercati che oggi non possono essere serviti da altri piccoli tipi di aeromobili a corridoio singolo“.

Rob Dewar, Head of Engineering & Customer Support per la famiglia Airbus A220 ci tiene a sottolineare come dal suo primo volo appena 3 anni fa, l’Airbus A220 ha già dimostrato di soddisfare o superare i suoi obiettivi di prestazioni iniziali, offrendo maggiore flessibilità e potenziale ai vettori clienti.

Oggi, Airbus rafforza la sua fiducia nella piattaforma A220 e migliora ulteriormente le sue capacità per soddisfare le future esigenze del mercato.” ha affermato Rob Dewar.

Airbus acquisì il controllo di Bombardier nell’ottobre del 2017, siglando una partnership con la canadese Bombardier per acquisire la la quota di maggioranza in una joint venture che controlla le attività degli aerei a medio raggio del programma serie C.

Airbus rilevò il 50,1% della C Series Aircraft Limited Partnership mentre Bombardier ha mantenuto il 31% e Investissement of Quebec il 19%.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi