Ryanair

Federconsumatori: “La disperata corsa al guadagno di Ryanair sembra…

Tempo di lettura 2 minuti

Non si è fatta attendere la risposta di Federconsumatori, alla “discutibile” scelta di Ryanair di applicare un costo forfetario di 25 euro a tratta per i bambini al di sotto dei 2 anni di età.

(Federconsumatori) “La disperata corsa al guadagno di Ryanair sembra non avere più limiti. L’ultima trovata della compagnia irlandese –che ormai non è più molto low-cost, considerando la lunga lista di supplementi applicati ai prezzi base– prende addirittura di mira i passeggeri più piccoli: il nuovo balzello è il ‘supplemento neonati’, cioè un extra di 25 Euro a tratta per bambini al di sotto dei due anni.

Il supplemento, già di per sé assurdo, appare ancora più ingiustificato se si considera che i bimbi devono viaggiare in braccio ai genitori con una cintura apposita fornita dal personale di bordo: l’utente, quindi, si trova a pagare di più senza ricevere alcun vantaggio né servizi aggiuntivi.

Ultimissima NEWSMi permetto di esprimere il mio dissenso sul termine usato, ovvero “assurdo”, in quanto lo ritengo corretto e necessario anche ai fini assicurativi, altre compagnie lo applicano, certo è che quello applicato da Ryanair è sproporzionato per il servizio offerto.

E’ inoltre importante segnalare che nella fase di selezione del numero e della tipologia dei viaggiatori (adulti, ragazzi, bambini o neonati) l’applicazione del sovrapprezzo per il bebè non viene chiaramente evidenziata: nel momento in cui si seleziona un neonato tra i passeggeri appare solo un messaggio in cui si legge che ‘i bebè di età inferiore ai 2 anni devono sedere in grembo all’adulto accompagnatore’, senza alcun cenno al supplemento.

Ultimissima NEWSVero, concordo, sarebbe corretto per una questione di trasparenza, evidenziare qui il prezzo del supplemento.

I 25 Euro a tratta vengono automaticamente inclusi nel prezzo del biglietto e l’acquirente li ritrova nel conto finale solo nell’ultima fase della prenotazione. Una prassi non del tutto trasparente: un utente un po’ distratto o anche poco avvezzo alle prenotazioni online potrebbe non accorgersi dell’applicazione del balzello.

Ancora una volta Ryanair –che è appena diventata la prima compagnia a non offrire la gratuità per i minori di due anni– si muove sul filo della legalità, adottando una condotta estremamente discutibile sotto il profilo della chiarezza e dell’attenzione al cliente.

Ultimissima NEWScito… –che è appena diventata la prima compagnia a non offrire la gratuità per i minori di due anni– NON E’ VERO, vedi il mio articolo di ieri

Da tempo si susseguono segnalazioni di scarsa trasparenza da parte di Ryanair: sempre più spesso il vettore dimostra di mostrare scarsa attenzione al rispetto dei diritti dei viaggiatori e, con le continue introduzioni di sovrapprezzi, dà prova di una scarsissima attenzione alla cura del cliente.

A tutti coloro che stanno programmando un viaggio raccomandiamo di prestare la massima attenzione al momento della scelta del vettore aereo con cui viaggiare, mettendo a confronto scrupolosamente ed in tutti i dettagli, i servizi offerti ed i prezzi finali applicati, per evitare brutte sorprese”.

Per tutto il resto concordo.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi