Ryanair

Ryanair all’AGCM: “perchè vi fate ingannare dalle OTA pirata?”

  • 1 mese fa
  • 3minuti

Una nuova puntata dell’ultima serie di botta e risposta a mezzo stampa tra Ryanair e eDreams e le altre OTA considerate “pirata” dalla compagnia aerea, chiama ancora in causa nuovamente l’AGCM, ingannata secondo Ryanair dalle OTA pirata.

Ryanair chiede all’AGCM di spiegare perché si è lasciata ingannare da OTA pirata come eDreams e perché ha ignorato la recente sentenza della Corte d’Appello di Milano, che ha respinto. si legge nell’ultima nota di Ryanair “le false affermazioni delle OTA pirata e ha stabilito che la politica di vendita diretta di Ryanair è “ragionevole” ed ha portato a costi e tariffe inferiori per i consumatori.

Ryanair ritiene che il caso dell’AGCM dimostri che eDreams ha ingannato l’AGCM sostenendo che c’è un rischio immediato per la sua stessa “sopravvivenza” se non può offrire voli Ryanair in vendita in Italia al di fuori dell’accordo “Approved OTA” di Ryanair.

“Questa evidente contraddizione tra la sentenza del Tribunale di Milano e il caso AGCM dimostra che l’AGCM ha erroneamente ignorato la sentenza del Tribunale di Milano, alla quale non fa nemmeno riferimento.Ryanair ha firmato accordi di “Approved OTA” con diverse OTA, tra cui Loveholidays, Kiwi, TUI, On the Beach, eSky e El Corte Inglés.  Queste partnership si basano su prezzi trasparenti per i consumatori, come richiesto dalla normativa UE. Ciò contrasta con il modello delle OTA pirata attualmente utilizzato da eDreams ed altre, che prevede la pirateria digitale illegale (screenscraping) da Ryanair.com ed il rincaro dei prezzi delle compagnie aeree con sovrapprezzi nascosti o “tasse” inventate che danneggiano i consumatori italiani.” continua Ryanair.

Ryanair continua la sua campagna per la tutela dei consumatori dalle OTA pirata come eDreams, Opodo e Booking.com, ed invita nuovamente l’AGCM ad agire contro le tariffe eccessive delle OTA pirata. L’incapacità dell’AGCM di proteggere i consumatori italiani è indifendibile sulla scia della sentenza della Corte d’Appello di Milano (gennaio 2024) che ha riconosciuto che la politica di vendita diretta di Ryanair è “economicamente giustificata” in quanto “elimina i costi associati all’intermediazione nella vendita dei biglietti” e ha portato a costi e tariffe più bassi per i consumatori italiani.

Michael O’Leary di Ryanair ha detto:“La denuncia dell’AGCM dimostra che si sono lasciati fuorviare dalle false affermazioni delle OTA Pirata, come eDreams, in particolare quando queste affermazioni contraddicono la sentenza della Corte d’Appello di Milano del gennaio 2024, favorevole ai consumatori.La sentenza della Corte d’Appello di Milano ha respinto queste false affermazioni delle OTA Pirata e ha stabilito che la politica di vendita diretta online di Ryanair è “ragionevole” e porta a costi e tariffe inferiori per i consumatori italiani, mentre le OTA Pirata non autorizzate come eDreams continuano a truffare i passeggeri italiani con ricarichi nascosti e prezzi gonfiati per i servizi Ryanair, come mostrato sopra. Il Tribunale di Milano ha inoltre stabilito che Ryanair “indubbiamente favorisce i consumatori”, il che smentisce chiaramente il caso dell’AGCM.Quando l’AGCM si attiverà finalmente per proteggere i consumatori italiani dai ricarichi occulti di eDreams e dalla pirateria su internet e seguirà la sentenza definitiva a favore dei consumatori della Corte d’Appello di Milano?”.