Bristol Airport

Nessuna sperimentazione rivoluzionaria a Bristol per l’idrogeno di easyJet

  • 1 mese fa
  • 10minuti

Non è stato fatto nulla di rivoluzionario all’aeroporto di Bristol, in quanto l’utilizzo dell’idrogeno come carburante per veicoli su strada è già disponibile ed utilizzata, ad esempio per il trasporto pubblico e il trasporto privato, a Mestre in Italia, aperto al pubblico nel 2022 un distributore di idrogeno di Eni.

Si tratta solo quindi di adottare questa tecnologia per alimentare i mezzi di trasporto di cose e persone in aeroporto, a Bristol è stato sperimentato l’uso dell’apparato Fuel Cell Systems Ltd per alimentare i trattori Mulag di DHL, Handler di easyJet negli aeroporti del Regno Unito. In quanto un nuovo tipo di carburante, devono però essere stilate procedure e best practice per l’utilizzo dell’idrogeno negli aeroporti, per questo motivo, nonostante non sia per nulla rivoluzionaria, è importante la sperimentazione che si sta attualmente portando avanti a Bristol.

Nulla di straordinario quindi, ma un ulteriore dimostrazione della possibilità dell’utilizzo di idrogeno per alimentare in questo caso in piccoli aeroporti, o per limitate operazioni veicoli aeroportuali di movimentazione per l’handling in aeroporto.

HyQube di Fuel Cell Systems Ltd all’aeroporto di Bristol. (foto Bristol Airport – anche di copertina)

A Bristol utilizzano l’HyQube di Fuel Cell Systems Ltd, dotato di un interfaccia touch screen, tramite la quale l’operatore aeroportuale con semplici passaggi riesce a compiere le operazioni di rifornimento in autonomia.

HyQube è un sistema di rifornimento semistatico per idrogeno, ovvero può essere spostato, utilizza delle bombole collegate, anch’esse non stabili in prossimità di HyQube.

Un momento del rifornimento di un mezzo Mulag utilizzando HyQube di Fuel Cell Systems Ltd all’aeroporto di Bristol. (foto Bristol Airport)

A Bristol l’idrogeno è stato utilizzato per rifornire di carburante e alimentare le apparecchiature di supporto a terra (GSE), in particolare i trattori per bagagli, che servono gli aerei passeggeri easyJet, prodotti da Mulag.

Condotto nell’ambito delle operazioni quotidiane della compagnia aerea, l’esperimento dimostra che il gas può essere utilizzato in modo sicuro e affidabile per rifornire di carburante le apparecchiature di terra nell’ambiente trafficato e attivo dell’aeroporto.

Il processo, denominato Project Acorn, era in sviluppo da oltre un anno e ha coinvolto molte altre organizzazioni leader nel settore dell’aviazione, dell’ingegneria, della logistica e del mondo accademico. Questi includono Cranfield Aerospace Solutions, Cranfield University, Connected Places Catapult (CPC), DHL Supply Chain, Fuel Cell Systems, l’istituto di ricerca IAAPS, Jacobs, Mulag e TCR.

E’ anche stato un ottima occasione per iniziare a stilare best practice e procedure per utilizzare questo tipo di carburante nelle operazioni aeroportuali. Il gruppo intende utilizzare i risultati della sperimentazione per contribuire a sviluppare standard di buone pratiche del settore, fornire indicazioni ad aeroporti, compagnie aeree, autorità locali e regolatori sui cambiamenti infrastrutturali richiesti e supportare lo sviluppo di un quadro normativo per l’uso dell’idrogeno su un aeroporto – standard che, a causa della nascita dell’idrogeno nel settore dell’aviazione, attualmente non esistono.

I dati e le informazioni raccolte alimenteranno anche la ricerca che gruppi come Hydrogen in Aviation (HIA)* stanno conducendo per garantire che le infrastrutture, le normative e i cambiamenti politici del Regno Unito tengano il passo con gli sviluppi tecnologici nel volo senza emissioni di carbonio. Sostiene inoltre il lavoro e le ambizioni di altri organismi come Hydrogen South West (HSW) e Hydrogen Innovation Initiative (HII), quest’ultima che ha anche cofinanziato il progetto.

L’idrogeno di Eni a Mestre, una stazione di rifornimento altamente innovativa ed aperta al publico, che alimenta anche i mezzi del trasporto urbano ACTV

La stazione di servizio è stata inaugurata nel febbraio del 2022, è una struttura innovativa e stabile, non mobile quella utilizzata a Bristol ed è in grado di rifornire mezzi di grandi dimensioni come gli autobus attualmente utilizzati nel trasporto pubblico a Mestre in Italia.

Autobus alimentato ad idrogeno utilizzato nel trasporto pubblico locale a Mestre in Italia.

Per questi motivi non è rivoluzionaria, ma solo un passo importante per l’utilizzo in aeroporto dell’idrogeno per movimentare i mezzi di terra.

Il prossimo passo dovrà anche essere quella di dotare l’aeroporto di una struttura fissa per il rifornimento dei mezzi.

Le dichiarazioni sulla sperimentazione a Bristol

David Morgan, Chief Operating Officer di easyJet, ha dichiarato:È senza dubbio che l’idrogeno sarà un carburante importante del futuro per l’aviazione a corto raggio, come dimostrato dal tasso di innovazione a cui stiamo assistendo. Mentre la tecnologia sta avanzando a un ritmo entusiasmante, poiché oggi l’idrogeno non viene utilizzato nell’aviazione commerciale, attualmente non esistono linee guida normative su come può e dovrebbe essere utilizzato, e quindi sperimentazioni come questa sono molto importanti per costruire il caso di sicurezza e fornendo dati e approfondimenti critici per informare lo sviluppo del primo quadro normativo del settore. Ciò garantirà che la regolamentazione non solo tenga il passo con l’innovazione, ma, soprattutto, sostenga anche l’industria nel raggiungere i suoi obiettivi di decarbonizzazione entro il 2050”.

Tim Johnson, Direttore per la strategia, la politica e le comunicazioni presso l’Autorità per l’aviazione civile, commenta:Progetti come questo sono i pilastri del nostro impegno a sostenere l’innovazione e la decarbonizzazione nel settore. Questa sperimentazione servirà come base per un Libro bianco al quale contribuiremo, oltre a consentire la creazione di ulteriori linee guida sulla sicurezza e standard normativi per l’uso dell’idrogeno nell’aviazione.  Non vediamo l’ora di contribuire a coltivare questo seme del futuro settore dell’aviazione più verde mentre continua a crescere”.

Anthony Browne, ministro dell’Aviazione, commenta: “Il progetto Acorn è un ottimo esempio del settore dell’aviazione del Regno Unito che spinge i confini di ciò che è possibile, utilizzando l’ingegneria all’avanguardia per rendere la decarbonizzazione una realtà dalle operazioni di terra agli aerei stessi. Progetti innovativi come questo sono fondamentali per raggiungere il nostro obiettivo, stabilito nella strategia Jet Zero, di operazioni aeroportuali a zero emissioni entro il 2040”.

Progetto Acron nel Regno Unito

Anche se i test e la sperimentazione attualmente in corso a Bristol, aeroporto che mira ad essere un HUB di riferimento per l’Idrogeno in UK, non si può considerare per nulla innovativa, è assolutamente necessaria per definire uno standard per l’utilizzo di questa tecnologia in aeroporto.

Esiste una finestra temporale ridotta affinché l’industria aeronautica del Regno Unito possa sviluppare le infrastrutture di terra, gli standard di sicurezza (incluso come utilizzare, controllare e trasportare l’idrogeno) e le procedure operative necessarie per rendere le operazioni del settore pronte per l’idrogeno.

Il progetto Acorn è progettato per essere un primo passo in questo viaggio, con prove limitate di apparecchiature GSE che raggiungono l’obiettivo chiave di ricevere l’autorizzazione per il rifornimento in volo dal’Autorità per l’aviazione civile (CAA) – l’autorità di regolamentazione che svolge un ruolo attivo nel processo come revisore indipendente del caso di sicurezza.

Le valutazioni della sicurezza e la pianificazione delle emergenze con le autorità locali che servono l’aeroporto di Bristol forniranno inoltre preziosi insegnamenti per gli sviluppi futuri e fungeranno da modello per altre autorità locali, fornendo loro le competenze e le risorse necessarie per assistere gli aeroporti nella transizione all’idrogeno.

Un obiettivo a breve termine per questo progetto è portare allo spiegamento a lungo termine o permanente del GSE dell’idrogeno presso l’aeroporto di Bristol e preparare l’aeroporto per le prove e quindi le operazioni commerciali di aerei alimentati a idrogeno.

Sviluppare il caso di sicurezza e il quadro normativo per accelerare l’idrogeno nel settore dell’aviazione:

Un altro obiettivo della sperimentazione è sviluppare il quadro normativo e di sicurezza necessario per accelerare l’idrogeno nel settore dell’aviazione.

Sebbene l’idrogeno sia una potenziale fonte di carburante a zero emissioni di carbonio per l’aviazione e siano già stati compiuti importanti sviluppi in tutto il settore**, permangono significative sfide normative, di sicurezza e di certificazione. Sono quindi necessarie ulteriori ricerche e test per informare la politica delle infrastrutture dell’idrogeno e la gestione sicura nelle operazioni aeroportuali e aeree per supportare la futura adozione dell’idrogeno.

La sperimentazione operativa del progetto Acorn del GSE gassoso alimentato a idrogeno in un ambiente aeroportuale rappresenta una di queste opportunità e, essendo la prima sperimentazione di rifornimento di idrogeno lato volo ad aver luogo in un importante aeroporto del Regno Unito, rappresenta una pietra miliare significativa e un importante trampolino di lancio verso gli sviluppi futuri per Utilizzo dell’idrogeno nell’aviazione.

Lo scopo finale di questa ricerca è supportare una più ampia decarbonizzazione del trasporto aereo attraverso un più rapido assorbimento dell’idrogeno.

Le fasi chiave dello studio:

  1. Sicurezza e valutazione: le prove operative e la formazione a terra sono state condotte in un ambiente sicuro e controllato presso l’Università di Cranfield nelle settimane precedenti il ​​test all’aeroporto di Bristol.
  2. Stoccaggio e distribuzione dell’idrogeno: i serbatoi contenenti idrogeno (H2) e un distributore di idrogeno hyQube, progettati e forniti da Fuel Cell Systems Ltd, sono stati trasportati al sito di prova del Progetto Acorn presso l’aeroporto di Bristol. In termini di come funziona il processo…
  • L’hyQube funge da “pompa del carburante” per pompare l’idrogeno dalle bombole di H2 nei serbatoi vuoti del trattore portabagagli, l’utilizzo finale dell’idrogeno.
  • L’hyQube eroga l’idrogeno attraverso un ugello collegato esattamente come quando si rifornisce un’auto alla stazione di servizio. Sebbene a differenza del rifornimento di carburante di un’auto, l’ugello non deve essere tenuto durante il rifornimento poiché si forma una tenuta completa quando il distributore di carburante è collegato al trattore bagagli
  • L’hyQube eroga l’idrogeno dalle bombole di H2 nei serbatoi a bordo del trattore portabagagli Mulag semplicemente premendo un pulsante
  • Una volta che i serbatoi raggiungono la pressione massima di 350 bar, indicando che il veicolo è completamente rifornito, l’hyQube si spegne automaticamente, l’operatore si disconnette e il veicolo è pronto a partire!
  • Sono necessari circa 3 minuti per riempire il serbatoio pieno del trattore portabagagli e questo lo manterrà in funzione per 2-3 ore prima di aver bisogno di altro carburante
  1. Utilizzo finale (alimentazione del trattore): il trattore per bagagli GH2 (prodotto e testato in fabbrica da Mulag e dotato di una cella a combustibile con membrana a scambio protonico Globe FC) è stato rifornito di carburante da personale DHL addestrato tramite il distributore mobile dell’aeroporto di Bristol. Il personale di DHL ha utilizzato il trattore per bagagli GH2 per assistere i turnaround degli aerei easyJet in uno stand remoto presso l’aeroporto di Bristol, che rimorchiava i bagagli dei passeggeri dagli aerei passeggeri easyJet da e verso l’aereo e l’aeroporto come parte di una normale operazione.

I numerosi vantaggi dell’idrogeno nell’aviazione:

Molti importanti esperti ritengono che l’aviazione alimentata a idrogeno non solo sarà fondamentale per raggiungere l’obiettivo zero emissioni, ma porterà anche molti vantaggi economici.

La strategia Jet Zero del Dipartimento per i trasporti*** stima che un rapido investimento nell’aviazione a idrogeno potrebbe creare oltre 60.000 nuovi posti di lavoro in tutto il Regno Unito, con Hydrogen UK che prevede che l’idrogeno potrebbe contribuire con 18 miliardi di sterline di GVA e aiutare a soddisfare fino al 50% del fabbisogno energetico del Regno Unito requisiti entro il 2050.

L’idrogeno verde, prodotto da fonti rinnovabili, è un carburante alternativo particolarmente interessante perché, a differenza di altre alternative, non produce emissioni di carbonio. Se pienamente realizzato, contribuirà in modo significativo al raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione del settore, contribuendo al tempo stesso a preservare un settore che fornisce un valore significativo alla nostra economia: l’aviazione britannica dà lavoro a 230.000 persone e contribuisce direttamente al PIL con oltre 22 miliardi di sterline all’anno, oltre a 34 miliardi di sterline derivanti dalle esportazioni aerospaziali. componenti.

Il Jet Zero Council ha previsto nella strategia che un rapido investimento nell’aviazione a idrogeno potrebbe vedere il Regno Unito assicurarsi fino al 19% dell’industria aerospaziale globale e una quota di un beneficio valutato a 178 miliardi di sterline all’anno nel 2050, il che significa che ciò potrebbe generare ulteriori 34 miliardi di sterline. all’anno per il Regno Unito.

Investire nell’idrogeno aiuterà anche a preservare i benefici sociali del volo, continuando a connettere le persone al mondo degli affari, ai propri cari e a nuove destinazioni.