Air France-KLM

Corte UE annulla decisione UE aiuti ad Air France

  • 2 mesi fa
  • 4minuti

La Corte di Giustizia della UE ha annullato la decisione della Commissione, che autorizzava lo stato francese, ad aiutare finanziariamente Air France, in seguito ai danni provocati dalla pandemia di Covid-19.

Gli aiuti che lo stato francese, con diverse modalità, ha trasferito ad Air France, sono stati già restituiti, la Corte ha annullato la decisione della UE, dando ragione a Ryanair che aveva fatto ricorso, degli aiuti in base ai “legami patrimoniali, organici, funzionali ed economici tra le società del gruppo Air France-KLM e il quadro contrattuale sulla base del quale sono state concesse le misure controverse, nonché la tipologia degli aiuti misura concessa e il contesto in cui sono stati concessi“, spiega la Corte, potrebbe averne beneficiato l’intero gruppo Air France-KLM e quindi anche KLM.

Nulla di strano, era scontata questa precisazione della Corte che infatti annulla la decisione UE, specificando che è stato fatto un “errore” di valutazione, nella valutazione del parere favorevole all’aiuto concesso ad Air France.

Nel comunicato della corte si legge che: “quando vi sono motivi di temere gli effetti sulla concorrenza di un accumulo di aiuti di Stato all’interno dello stesso gruppo, spetta alla Commissione esercitare una particolare vigilanza nell’esame dei legami tra le società appartenenti a tale gruppo.”

Ma è palese a chiunque che se si aiuta economicamente una delle società del gruppo, a trarne benefici sono anche le altre società, anche se non direttamente, visti i centri di costo e l’impatto sul bilancio del gruppo.

Ma la Commissione ha dato l’OK, ritenendo che “l’Air France e la holding Air France-KLM erano le uniche beneficiarie di tale aiuto, escludendo KLM“, la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni: a suo avviso, tali misure costituiscono aiuti compatibili con il mercato interno.

Ryanair contesta tali decisioni e sostiene che le misure controverse sono contrarie al diritto dell’Unione. A suo avviso, la Commissione ha erroneamente definito i beneficiari di tale aiuto decidendo che né Air France-KLM (nella decisione impugnata nella causa T-216/21) né KLM (nelle due decisioni impugnate) erano beneficiari di tale aiuto aiuto.

In sostanza quindi il Tribunale “accoglie tali ricorsi e annulla le decisioni della Commissione. Essa ritiene che la Commissione abbia commesso un errore nel definire i beneficiari degli aiuti di Stato concessi escludendo Air France-KLM e KLM nella causa T-216/21 e KLM nella causa T-494/21, concludendo come si legge nel comunicato: “Air France-KLM (nel primo caso) e KLM (nel secondo caso) potevano beneficiare, almeno indirettamente, del vantaggio concesso dall’aiuto di Stato controverso

Una grave svista sia da parte dello stato francese che della Commissione Europea, dato che, chiunque ha delle basi finanziarie sa bene che le motivazioni per cui la Corte UE ha annullato la decisione della Commissione, sono ovvie.

Ora Ryanair chiede “alla Commissione europea di ordinare alla Francia di recuperare immediatamente da Air France-KLM questo pacchetto di aiuti di Stato illegali multimiliardari e di imporre rimedi adeguati a riparare almeno in parte il danno alla concorrenza causato da questo massiccio salvataggio statale.*”

Ed è qui che la situazione diventa complicata, Air France ha già rimborsato il finanziamento, la Commissione dovrà quindi trovare una modalità alternativa per “recuperare questi pacchetti di aiuti di Stato illegali ed ordinare misure correttive per ripristinare almeno in parte il danno arrecato alla concorrenza*” scrive Ryanair in una nota.

Non è scontato che la Commissione agisca in tale senso, nel frattempo Air France-KLM in una nota, fa sapere cheAir France-KLM e Air France prendono atto delle due sentenze odierne del Tribunale dell’Unione europea che annullano una decisione della Commissione del 2020 e una decisione della Commissione del 2021 che hanno approvato varie misure di aiuto di Stato francesi durante la crisi del Covid 19. Air France-KLM e Air France studieranno attentamente queste sentenze e ne valuteranno le implicazioni. Valuteranno se presentare ricorso per cassazione davanti alla Corte di giustizia dell’Unione europea. Parallelamente, contribuiranno ad ogni scambio tra lo Stato francese e la Commissione europea in vista dell’adozione di eventuali nuove decisioni di approvazione. Air France-KLM ricorda che Air France-KLM e Air France hanno rispettato e soddisfatto tutti i requisiti di uscita di tutti gli aiuti di Stato concessi ai sensi del quadro temporaneo sugli aiuti di Stato dell’UE il 19 aprile 2023.”

*testo dalla nota stampa di Ryanair del 20/12/2023

cp230198en