sustainable aviation

Flight100 Virgin Atlantic, 100% SAF

  • 3 mesi fa
  • 6minuti

Lo storico volo di Virgin Atlantic alimentato al 100% con Sustainable Aviation Fuel (SAF) decolla oggi da Londra Heathrow a New York JFK, segnando il culmine di un anno di intenso lavoro, per dimostrare la capacità del SAF come alternativa del carburante per jet di derivazione fossile, e la sua compatibilità con i motori e le infrastrutture di distribuzione del carburante attualmente in uso negli aeroporti.

Il SAF può e deve avere un ruolo significativo nella decarbonizzazione dell’aviazione a lungo raggio e nel percorso verso l’azzeramento delle emissioni nette entro il 2050. Il carburante prodotto utilizzando prodotti di scarto, consente di ridurre le emissioni di CO2 durante il ciclo di vita fino al 70%, con le stesse prestazione del carburante per aviazione tradizionale.

Sir Richard Branson, fondatore di Virgin Atlantic, ha dichiarato: “Il mondo darà sempre per scontato che qualcosa non possa essere fatto, finché non lo fai. Lo spirito dell’innovazione è uscire e cercare di dimostrare che possiamo fare le cose meglio per il bene di tutti. Virgin Atlantic ha sfidato lo status quo e spinto l’industria dell’aviazione a non accontentarsi mai e a fare meglio dal 1984. A distanza di quasi 40 anni, quello spirito pionieristico continua a essere il cuore pulsante di Virgin Atlantic, che si spinge oltre i confini dagli aeromobili in fibra di carbonio e dagli aggiornamenti della flotta ai carburanti sostenibili. Non potrei essere più orgoglioso di essere a bordo di Flight100 oggi insieme ai team di Virgin Atlantic e ai nostri partner, che hanno lavorato insieme per impostare il percorso di volo per la decarbonizzazione dell’aviazione a lungo raggio”. Continua a leggere sul Blog di Richard.

Mentre altre tecnologie come l’elettrico e l’idrogeno rimangono lontane decenni, il SAF può essere utilizzato da subito.

Oggi, il SAF rappresenta meno dello 0,1% dei volumi globali di carburante per aerei e gli standard di carburante consentono solo una miscela di SAF del 50% nei motori a reazione commerciali. Flight100 dimostrerà che la sfida di aumentare la produzione è una sfida di politica e investimenti, e l’industria e il governo devono muoversi rapidamente per creare una fiorente industria SAF nel Regno Unito.

Oltre a dimostrare le capacità del SAF, Flight100 valuterà come il suo utilizzo influisca sulle emissioni di carbonio del volo con il supporto dei partner del consorzio ICF, Rocky Mountain Institute (RMI), Imperial College London e University of Sheffield.

La ricerca migliorerà la comprensione scientifica degli effetti del SAF sulle scie di condensazione e sul particolato e aiuterà a implementare le previsioni delle scie di condensazione nel processo di pianificazione del volo. I dati e la ricerca saranno condivisi con l’industria e Virgin Atlantic continuerà il suo coinvolgimento nel lavoro sulle scie di condensazione attraverso la Climate Impact Task Force di RMI, che è in parte finanziata da Virgin Unite.

La miscela di SAF

Il SAF utilizzato su Flight100 è una doppia miscela unica; L’88% di HEFA (Esteri e Acidi Grassi Idrotrattati) è fornito da AirBP e il 12% di SAK (Cherosene Aromatico Sintetico) è fornito da Virent, una filiale di Marathon Petroleum Corporation.

L’HEFA è composto da grassi di scarto, mentre il SAK è composto da zuccheri vegetali, mentre il resto di proteine vegetali, olio e fibre continua nella catena alimentare.

Il SAK è necessario nelle miscele SAF al 100% per conferire al carburante gli aromi necessari per il funzionamento del motore. Per raggiungere Net Zero 2050, l’innovazione e gli investimenti necessari in tutte le materie prime e le tecnologie disponibili devono essere sfruttati per massimizzare i volumi di SAF e continuare la ricerca e lo sviluppo necessari per portare sul mercato nuovi aeromobili a emissioni zero.

Gli impegni per un aviazione sostenibile di Virgin Atlantic

Virgin Atlantic si impegna a trovare modi più sostenibili per volare, agendo in ogni parte del viaggio. Operando già una delle flotte più giovani e più efficienti in termini di carburante e emissioni di carbonio nei cieli, Flight100 si basa su 15 anni di esperienza della compagnia aerea per aver guidato lo sviluppo di SAF su larga scala. Collettivamente, l’industria e il governo devono andare oltre, per creare un’industria SAF nel Regno Unito e raggiungere l’obiettivo del 10% di SAF entro il 2030 dell’aviazione, capitalizzando i significativi benefici sociali ed economici che porterà: un contributo stimato di 1,8 miliardi di sterline in valore aggiunto lordo al Regno Unito e oltre 10.000 posti di lavoro.

Shai Weiss, Chief Executive Officer di Virgin Atlantic, ha dichiarato: “Flight100 dimostra che il carburante sostenibile per l’aviazione può essere utilizzato come sostituto sicuro e drop-in del carburante per aerei di derivazione fossile ed è l’unica soluzione praticabile per decarbonizzare l’aviazione a lungo raggio. C’è voluta una collaborazione radicale per arrivare fin qui e siamo orgogliosi di aver raggiunto questo importante traguardo, ma dobbiamo spingerci oltre. Semplicemente non c’è abbastanza SAF ed è chiaro che per raggiungere la produzione su larga scala, abbiamo bisogno di vedere molti più investimenti. Ciò accadrà solo quando saranno in atto la certezza normativa e i meccanismi di sostegno dei prezzi, sostenuti dal governo. Flight100 dimostra che se ce la fai, noi la faremo volare”.

Il Segretario ai Trasporti Mark Harper ha dichiarato: “Il volo storico di oggi, alimentato al 100% da carburante sostenibile per l’aviazione, mostra come possiamo decarbonizzare i trasporti e consentire ai passeggeri di continuare a volare quando e dove vogliono. “Questo governo ha sostenuto il volo di oggi per il decollo e continueremo a sostenere l’emergente industria SAF del Regno Unito mentre crea posti di lavoro, fa crescere l’economia e ci porta a Jet Zero”.

Sheila Remes, Vice President of Environmental Sustainability, Boeing, ha dichiarato: “Nel 2008 Virgin Atlantic e Boeing hanno completato il primo volo di prova SAF commerciale su un 747 e oggi raggiungeremo un’altra pietra miliare significativa utilizzando un 787 Dreamliner. Questo volo è un passo fondamentale verso il nostro impegno a fornire aerei compatibili al 100% con SAF entro il 2030. Mentre lavoriamo per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette del settore dell’aviazione civile, il viaggio storico di oggi evidenzia ciò che possiamo ottenere insieme”.

Simon Burr, Group Director of Engineering, Technology & Safety, Rolls-Royce plc, ha dichiarato: “Siamo incredibilmente orgogliosi che i nostri motori Trent 1000 stiano alimentando il primo volo widebody in assoluto utilizzando carburante sostenibile al 100% per l’aviazione attraverso l’Atlantico. Rolls-Royce ha recentemente completato i test di compatibilità del 100% SAF su tutti i nostri tipi di motori aeronautici civili in produzione e questa è un’ulteriore prova che non ci sono barriere tecnologiche all’uso del 100% SAF. Il volo rappresenta un’importante pietra miliare per l’intero settore dell’aviazione nel suo viaggio verso l’azzeramento delle emissioni nette di carbonio”.

Foto Virgin Atlantic/Virgin