Norwegian

Potrebbe essere bloccata l’acquisizione di Widerøe da Norwegian

  • 7 mesi fa
  • 2minuti

L’autorità norvegese di vigilanza sulla concorrenza ha avvertito che potrebbe bloccare l’acquisto di Widerøe da parte di Norwegian.

Secondo l’autorità, si creerebbero le condizioni per un aumento dei prezzi, oggi operano in Norvegia nelle rotte nazionali 3 vettori, con l’acquisizione di Widerøe ne rimarrebbero solo 2, Widerøe è convinta che l’accordo è importante per garantire i viaggi nelle zone rurali della Norvegia.

Widerøe e Norwegian in un comunicato congiunto si dicono sorpresi dell’avvertimento dell’autorità, ma credono ancora che si arriverà ad una decisione positiva: “sulla base dei fatti del caso, sono ottimista riguardo all’esito finale del processo di richiesta“, ha dichiarato in una nota il CEO di Norwegian, Geir Karlsen.

Entro l’8 ottobre entrambe dovranno inviare all’autorità norvegese di vigilanza sulla concorrenza le risposte per cercare di “far cambiare idea” all’autorità, affinché approvi l’acquisizione.

La decisione finale dovrà essere presa entro il 3 gennaio 2024, nel frattempo in una nota la direttrice dell’Autorità garante della concorrenza Tina Soereide, ha fatto sapere che l’autorità vede “il rischio reale che la concorrenza sul mercato possa essere indebolita in modo tale da portare a prezzi più alti dei biglietti e ad un’offerta peggiore per i passeggeri in Norvegia“.

Widerøe e Norwegian nella nota prima citata hanno aggiunto che “Siamo di fronte ad un’industria aeronautica europea che sta attraversando un grande cambiamento, e anche l’unione di Norwegian e Wideroe diventerà un piccolo attore nel contesto internazionale“.

Widerøe e Norwegian gestiscono 107 rotte in Norvegia, solo cinque di queste operate da entrambi i vettori.

E’ vero che “l’unione di Norwegian e Wideroe creerà un piccolo attore nel contesto internazionale“, ma è altrettanto vero che è difficile se non impossibile entrare nel mercato domestico norvegese da parte di altri vettori esteri, alcuni hanno già provato ad operarci, anche recentemente, senza successo.