Veneto

Piano strategico Destination Verona & Garda Foundation

  • 12 mesi fa
  • 5minuti

E’ stato presentato a soci, tour operator e media stranieri, nazionali e locali, il piano strategico della Destination Verona & Garda Foundation (Dvg Foundation) dei prossimi cinque anni.

Promozione, accoglienza (Iat e Info Point) e commercializzazione del territorio veronese: dal convention bureau per il turismo congressuale allo sviluppo dei mercati presidiati sul Lago di Garda, dal networking internazionale all’organizzazione e digitalizzazione dell’offerta turistica, il piano strategico traccia la strada di una best practice unica in Italia, destinata a fare da apripista per le altre province della Regione Veneto.

La Fondazione, creata su input della Camera di Commercio di Verona, è il braccio operativo delle due Dmo Lago di Garda Veneto e Verona e raggruppa oggi 65 comuni della provincia di Verona, che rappresentano il 91% delle presenze turistiche complessive.

Il territorio veronese ed il lago sono già oggi – ha spiegato Paolo Artelio, presidente della Dvg Foundation delle eccellenze del turismo europeo. Nel veronese e sul lago abbiamo brand privati e pubblici, grandi o a volte anche piccoli, che hanno una riconoscibilità globale. In altri contesti ci si ferma a questo. Tuttavia in un mercato globalizzato e ipercompetitivo come quello turistico il mantenimento del successo non è scontato, e le realtà che si muovono da sole, spesso, sono destinate a soccombere. Occorre costruire una cornice complessiva ed organizzata attorno a tutta questa ricchezza”.

La Destination Verona and Garda Foundation (Dvg) è operativa da Novembre 2022- dalla costituzione del suo CdA e dall’assunzione del primo dipendente. Il piano strategico è stato rilasciato a fine marzo 2023, dopo un serrato lavoro di ascolto e collaborazione con tutti gli stakeholders e tutti i territori, privati e pubblici. In questi giorni sono in corso le fasi finali di selezione della figura del direttore generale.

All’interno del piano trovano sintesi le esigenze e gli obiettivi del territorio. Ci sono anzitutto le analisi sui flussi turistici degli anni passati, che fanno da base per la strategia. C’è una parte sullo sviluppo dei prodotti in rapporto ai mercati, una sulla promozione e ancora una sui dati e la business intelligence, fino alle linee di sviluppo future per il turismo del territorio. Il piano strategico sarà poi accompagnato, anno dopo anno, da un piano operativo annuale, che declina le azioni su una scala temporale più breve. L’organizzazione (organizzazione dei prodotti, dell’accoglienza, delle attività promozionali) è la chiave attraverso cui il territorio veronese può crescere ulteriormente in qualità e valore aggiunto.

“L’importanza dell’istituzione della Fondazione unica – ha commentato l’Assessore al Turismo della regione del veneto, Federico Caner – che si appresta a gestire le 2 grandi destinazioni – Verona e il Garda – e i 4 marchi d’area (Lessinia, Valpolicella, Soave ed Est Veronese, Pianura dei Dogi), non sta solo nella gestione degli aspetti promozionali, ma anche e soprattutto nella necessità di garantire un presidio organizzato che garantisca, attraverso un capitale umano preparato e altamente specializzato, tutte le funzioni tipiche delle destinazioni turistiche (come ad es. le funzioni di informazione, di accoglienza, di commercializzazione dell’offerta turistica). Dobbiamo costruire una governance unitaria che punti più sulla qualità che sulla quantità dei flussi turistici e questo presuppone di porre in capo alla Fondazione l’organizzazione e il coordinamento dell’offerta turistica, anche sul piano del digitale.  Anche i nuovi bandi di finanziamento dei fondi europei per il turismo (FESR), che stiamo lanciando in questi giorni, vanno in questa stessa direzione.”

 “La partenza delle attività di Destination Verona & Garda Foundation ci mette davanti a nuove sfide. Infatti c’è da affrontare la resistenza al cambiamento e noi dobbiamo esserne consapevoli. C’è bisogno di una forte determinazione per uscire dalla nostra zona di comfort. Dovremo affrontare le sfide senza paura di sbagliare, anzi accettando che commetteremo errori nuovi, che ci assumeremo dei rischi e che ricercheremo quelle doti di empatia che il cambiamento richiede – ha concluso l’Assessora alla cultura e turismo del Comune di Verona, Marta Ugolini Nel guidare la destinazione verso il futuro, dovremo sempre tenere a mente i bisogni dei residenti delle nostre città, accanto alle aspettative dei visitatori e degli operatori economici. Il turismo deve poter stare in luoghi autentici e veri, quindi i progetti di sviluppo turistico vanno bilanciati con le esigenze di chi vive la città ogni giorno, con chi vi studia, chi si cura e svolge il proprio lavoro. A tale riguardo occorre che come destinazione complessiva riusciamo ad instaurare un dialogo proficuo con le piattaforme, come Airbnb, che stanno cambiando il volto della nostra città”

IL PIANO. Le priorità per il Garda Veneto

  • l’aumento della spesa media pro- capite
  • l’organizzazione e la digitalizzazione dell’offerta turistica
  • incremento della varietà di mercati presidiati, aumentando la conoscenza del Lago anche in Paesi o in regioni fin qui meno fidelizzate.
  • Gestione del problema della comunicazione riguardo l’acqua bassa sul lago, che talvolta all’estero assume toni allarmistici con un piano di crisis management.

IL PIANO. Le priorità per i marchi d’area

  • Aumento della la spesa pro- capite dei visitatori e della permanenza media.
  • Aumento del tasso di arrivi e presenze agendo sia sul piano del prodotto che su quello della comunicazione.

IL PIANO. Le priorità per Verona capoluogo

  • Incremento della permanenza media e della spesa pro- capite
  • Azioni ad hoc per destagionalizzare. Elemento chiave per questo è la valorizzazione del turismo business, specialmente quello legato al congressuale, che si deve accompagnare a quello leisure assumendo un peso crescente. Per favorire questo processo ci apprestiamo a lanciare una manifestazione di interesse per la creazione di un Convention Bureau dedicato.