Italo

Aponte, MSC ed Italo: obbiettivo intermodalità

Tempo di lettura < 1 minuto

Gianluigi Aponte, a capo del gruppo MSC, che controlla uno dei primi brand al mondo nella crocieristica ed il primo nella logistica delle merci, sarebbe pronto ad entrare nel capitale di Italo nel Q123.

Messa da parte l’acquisizione della maggioranza di ITA, non possiamo escludere che il gruppo possa affiancare Lufthansa in una fase successiva, sempre in un ottica di investimento a lungo termine completando il progetto di intermodalità passeggeri, ora Gianluigi (Aponte) “punta” ad un fiore all’occhiello dell’Italia, Italo treno.

Tra gli attuali azionisti di Italo c’è il fondo Gip, con cui il Gruppo MSC collabora da diverso tempo, un azionista quindi sicuramente “amico” per cui l’investimento in Italo, oltre che per gli obbiettivi prima antticipati, potrebbe essere confermato.

A confermare un ulteriore avvicinamento di MSC ad Italo è il quotidiano MF, secondo il quale MSC e GIP avranno una quota entrambi del 50% della società.

L’operazione avrebbe un valore di circa 4 miliardi di euro.

Italo “evo” a Milano Centrale