Aeroporti di Parigi Groupe ADP

Air Liquide groupe ADP Joint Venture sviluppo idrogeno aeroporti

Tempo di lettura 2 minuti

Con questa ambizione di creare la prima joint-venture ingegneristica dedicata ad affiancare gli aeroporti nel loro progetto di integrazione dell’idrogeno nelle loro infrastrutture, Air Liquide e Groupe ADP stanno rafforzando la loro collaborazione.

Questo annuncio fa seguito a un memorandum d’intesa firmato nel 2021, questo progetto di partnership dimostra l’ambizione condivisa del Gruppo che controlla gli scali di Parigi di agire ora per aprire la strada alla de-carbonizzazione del trasporto aereo in tutto il mondo.

Lo scopo di questa joint-venture partecipata al 50% da entrambi i gruppi in modo paritario, sarà quello di fornire agli aeroporti in Francia e in tutto il mondo l’ingegneria e i servizi di cui avranno bisogno nella loro transizione all’idrogeno,

I primi velivoli commerciali alimentati a idrogeno sono previsti entro il 2035, gli aeroporti devono iniziare a riconsiderare le proprie infrastrutture a partire da oggi. In particolare, devono esaminare come verrà fornito l’idrogeno liquido e come può servire anche ad altri usi della mobilità a terra, in particolare la mobilità per carichi pesanti o le attrezzature di supporto a terra leggere.

I servizi forniti consentiranno agli aeroporti di affrontare tutte le sfide che dovranno affrontare per integrare l’idrogeno, tra cui:

  • Stima dei volumi di idrogeno necessari nel tempo;
  • La filiera ottimale dell’idrogeno in base alle caratteristiche specifiche e alla posizione dell’aeroporto
  • Lavori di scopo e pre-installazione per l’infrastruttura a idrogeno richiesta in aeroporto;
  • Studi preliminari sulla sicurezza;
  • Studi sui costi e road map di investimento;
  • Valutazioni dell’impatto del carbonio…

Nel 2021, Air Liquide e Groupe ADP hanno avviato una prima collaborazione, insieme ad Airbus, per condurre uno studio della durata di un anno sulle configurazioni di 30 aeroporti in tutto il mondo, con un focus particolare su Parigi-Charles de Gaulle e Parigi-Orly. 

Studi preliminari hanno confermato il potenziale dell’idrogeno di decarbonizzare l’aviazione, identificando diversi modelli di produzione e catena di approvvigionamento che possono essere integrati nelle infrastrutture aeroportuali.

Grazie a questa cooperazione, Air Liquide e Groupe ADP hanno sviluppato competenze uniche nelle fasi di dimensionamento delle infrastrutture e di pre-implementazione che saranno richieste negli aeroporti per questa trasformazione 

Edward Arkwright , vicedirettore generale di Groupe ADP , ha dichiarato:“Avendo collaborato con Air Liquide per produrre studi nell’ultimo anno, questa joint venture è stata un logico passo successivo. Con esso, prevediamo di avere i primi casi d’uso della tecnologia dell’idrogeno a terra negli aeroporti di Parigi-Charles de Gaulle e Parigi-Orly nel 2023. La nostra collaborazione con Air Liquide è a lungo termine e si basa sulla complementarità di le nostre rispettive competenze: la catena di approvvigionamento dell’idrogeno per Air Liquide e le infrastrutture e le operazioni aeroportuali per Groupe ADP. 

Matthieu Giard , vicepresidente, membro del comitato esecutivo di Air Liquide che supervisiona in particolare le attività sull’idrogeno , ha dichiarato: “L’idrogeno è necessario per affrontare la sfida della transizione energetica. Gli studi condotti con Groupe ADP nell’ultimo anno hanno confermato che l’idrogeno può avere un importante contributo alla decarbonizzazione del settore aeroportuale. Gli aeroporti devono essere pronti per velivoli alimentati a idrogeno entro il 2035 e favorire l’emergere di un ecosistema di mobilità a idrogeno in generale. Ecco perché ora è il momento di lavorare sull’adeguamento delle infrastrutture. Air Liquide e Groupe ADP intendono quindi creare la prima joint venture specializzata in questo campo, basandosi sulla nostra collaborazione iniziale e mettendo in comune le competenze complementari dei nostri due Gruppi. In linea con i nostri impegni, la nostra ambizione è di contribuire attivamente all’emergere di una società a basse emissioni di carbonio. “