Aeroporti di Parigi Groupe ADP

Groupe ADP, Air France e Airbus: Hydrogen HUB

Regione di Parigi, Groupe ADP, Air France-KLM e Airbus lanciano un invito a manifestare interesse per esplorare le opportunità generate dall’idrogeno negli aeroporti di Parigi.

Questa iniziativa è un passo fondamentale per avviare la svolta tecnologica per l’intera catena del valore dell’idrogeno all’interno dell’infrastruttura aeroportuale.

H2 HUB

Consapevoli che l’avvento dell’idrogeno rivoluzionerà il modo in cui le infrastrutture aeroportuali sono state progettate e gestite, i partner vogliono anticipare e supportare gli sviluppi che dovrebbero aiutare a trasformare gli aeroporti di Parigi in veri “hub dell’idrogeno” .

L’invito internazionale a manifestare interesse, lanciato con il supporto dell’agenzia internazionale Choose Paris Region agency, responsabile della promozione internazionale e dell’attrattività della regione parigina, mira a costruire un ecosistema aeroportuale unico federato attorno all’idrogeno, grandi aziende, PMI, start -up, laboratori e università. 

I cinque partner condividono un’ambizione comune: identificare e qualificare i progressi nella ricerca e nelle tecnologie, e quindi testare le soluzioni economicamente valide che soddisferanno le esigenze dell’idrogeno in un aeroporto, per preparare a medio termine le sfide delle sue forniture anche su scala più ampia.

Tre temi principali

– stoccaggio, trasporto e distribuzione di idrogeno (gassoso e liquido) in un ambiente aeroportuale (sistemi di stoccaggio, micro-liquefazione, rifornimento di aerei, ecc.);
– Diversificazione dei casi d’uso dell’idrogeno negli aeroporti e nell’aviazione (veicoli e attrezzature per l’assistenza a terra, trasporto ferroviario negli aeroporti, fornitura di energia per edifici o aeromobili durante le operazioni a terra, ecc.);
– Economia circolare intorno all’idrogeno (recupero dell’idrogeno dissipato durante il rifornimento di idrogeno liquido, recupero di un sottoprodotto da una reazione per produrre idrogeno decarbonato, ecc.). 

Le candidature saranno aperte dall’11 febbraio al 19 marzo 2021, tramite il sito web h2hubairport.com  , i progetti selezionati saranno resi noti alla fine di aprile.

A questo proposito, Edward Arkwright , Deputy CEO di Groupe ADP, ha dichiarato: “siamo pronti, con i nostri partner, a federare un ecosistema unico per rendere possibile la progressiva integrazione dell’idrogeno negli aeroporti di Parigi. Dobbiamo prepararci oggi ad accogliere gli aerei a idrogeno nel 2035 trasformando i nostri aeroporti in veri e propri hub dell’idrogeno, in cui desideriamo sviluppare vari usi, con i nostri stakeholder, intorno alla mobilità terrestre lato aria e lato città. Insieme ad altre soluzioni, come i combustibili alternativi sostenibili, il dispiegamento dell’idrogeno mira ad accelerare la decarbonizzazione del trasporto aereo “.

Alexandra Dublanche , vicepresidente della regione di Parigi responsabile dello sviluppo economico e attrattività , ha dichiarato: con Valérie Pécresse, Presidente della Regione di Parigi, siamo stati i primi in Francia a sperimentare due autobus a idrogeno in servizio commerciale, tra Jouy-en-Josas e Versailles Chantiers, per testare il potenziale di questa energia. Abbiamo anche adottato un piano per l’idrogeno nel novembre 2019, che fornisce supporto regionale per il settore, al fine di rivelare il suo potenziale nella regione di Parigi. Questo invito a manifestare interesse permette di realizzare queste ambizioni e ci aiuta a costruire insieme l’aeroporto al servizio degli abitanti e l’attrattiva della regione parigina “.

Franck Margain , presidente di Choose Paris Region , ha dichiarato:“grazie alla collaborazione degli attori pubblici e privati coinvolti nel presente invito a presentare proposte, desideriamo contribuire molto concretamente alla realizzazione di nuove soluzioni innovative e sostenibili che a fianco con gli impegni di transizione di energia da parte della regione parigina. 

Da parte sua, Anne-Sophie Le Lay, Vicepresidente esecutivo, Segretario aziendale Air France-KLM , ricorda che: ” il sostegno alla ricerca e sviluppo e all’uso di nuove energie è fondamentale per muoversi verso un trasporto aereo più sostenibile e responsabile. di interesse riunisce partner leader per gettare le basi di un ecosistema innovativo e ambizioso “.

Jean-Brice Dumont ,Il vicepresidente esecutivo Engineering di Airbus , aggiunge: “Airbus è determinato a guidare una visione audace per il futuro dell’aviazione sostenibile e a guidare la transizione al volo commerciale a emissioni zero. L’idrogeno è una delle tecnologie più promettenti che aiuterà raggiungiamo tale obiettivo, ma non saremo in grado di farlo da soli. Questa rivoluzione richiederà anche che i nostri ecosistemi normativi e infrastrutturali cambino in tutto il mondo. Gli aeroporti hanno un ruolo chiave da svolgere nel consentire tale transizione, a partire da oggi, e ci auguriamo che questa iniziativa di innovazione aperta promuoverà lo sviluppo di progetti e soluzioni creative “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi