Aviation

Embraer Eve e Wideroe Zero collaborano per soluzioni UAM

Tempo di lettura 2 minuti

Embraer Eve Urban Air Mobility Solutions, Inc. (Eve), una società di Embraer, e Widerøe Zero hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) per sviluppare soluzioni di mobilità aerea urbana (UAM), con particolare attenzione all’implementazione delle operazioni eVTOL in Scandinavia.

Widerøe e’ cliente Embraer dal 2017, diventando il cliente di lancio dell’E2 con un ordine per un massimo di 15 E190-E2, il primo velivolo entrato in servizio nell’aprile 2018 a Bergen, in Norvegia.

Ora, con la creazione dell’Air Mobility Business Incubator, Widerøe Zero, le aziende utilizzeranno il veicolo eVTOL a emissioni zero e a basso impatto acustico di Eve per sviluppare un nuovo concetto operativo in cui i passeggeri sperimenteranno il futuro del trasporto elettrico e un nuovo modello di mobilità sostenibile, collegando le persone che vivono in una regione scarsamente popolata e in una geografia difficile.

Come parte di questa collaborazione, Widerøe Zero contribuirà a un esercizio di preparazione del mercato e a un concetto di veicolo di studio operativo in Scandinavia, promuovendo lo sviluppo di Eve del mercato UAM nella regione.

“Widerøe Zero è entusiasta di lavorare con Eve sul concetto eVTOL. Sebbene inizialmente progettati per la mobilità aerea urbana, ci aspettiamo che questi veicoli altamente flessibili siano interessanti in una varietà di applicazioni anche nelle aree rurali; dal trasporto merci al trasporto passeggeri. La nostra partnership con Eve fa parte del nostro piano per accelerare lo sviluppo dell’aviazione sostenibile in Norvegia. Attendiamo con impazienza la partnership ampliata, sbloccando nuove opportunità per migliorare la connettività regionale“, ha affermato Andreas Kollbye Aks, amministratore delegato di Widerøe Zero.

“Per contribuire all’obiettivo mondiale di eliminare le emissioni di gas serra entro il 2050, l’industria aerospaziale dipende dall’innovazione dirompente. Con Urban Air Mobility, abbiamo un’opportunità unica di progettare un ecosistema di mobilità nuovo e ottimizzato: infrastrutture, veicoli, operazioni e sistemi di gestione del traffico aereo“, ha affermato André Stein, presidente e amministratore delegato di Eve. “Siamo entusiasti di lavorare insieme a Widerøe Zero per sviluppare soluzioni UAM in Scandinavia, con un’esperienza completamente nuova, a emissioni zero, per i viaggiatori”.

Beneficiando di una mentalità di start-up e supportata da oltre 50 anni di esperienza nella produzione e certificazione di aeromobili di Embraer, Eve svela una proposta di valore unica posizionandosi come partner dell’ecosistema offrendo una suite di prodotti e servizi con i più alti livelli di standard di sicurezza.

“Il design incentrato sull’uomo di Eve combina innovazione dirompente e un design semplice e intuitivo”. Oltre al programma aeronautico, Eve sta sfruttando l’esperienza di Embraer e Atech, una consociata del Gruppo Embraer, nella fornitura di software di gestione del traffico aereo riconosciuto a livello mondiale per creare le soluzioni che aiuteranno a scalare in sicurezza l’industria UAM in futuro.

Eve Urban Air Mobility Solutions (Eve)

Eve è una nuova società indipendente dedicata all’accelerazione dell’ecosistema Urban Air Mobility (UAM). Beneficiando di una mentalità di avvio, sostenuta da oltre 50 anni di esperienza nel settore aerospaziale di Embraer, e con un focus unico, Eve sta adottando un approccio olistico per far progredire l’ecosistema UAM, con un progetto avanzato di decollo verticale e atterraggio elettrico (eVTOL) , una rete globale completa di servizi e supporto e una soluzione unica per la gestione del traffico aereo. Eve è la prima azienda a laurearsi in EmbraerX. Per ulteriori informazioni, visitare www.eveairmobility.com.

Wideroe Zero è un incubatore di consulenza per una rivoluzione nel settore dell’aviazione.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017