Aeroporto di Milano Linate LIN

8 ottobre 2001, 20 anni dopo

Tempo di lettura < 1 minuto

20 anni fa il disastro aero di Linate, in memoria delle 118 vittime.

A Milano era una fredda mattinata autunnale con una fitta nebbia su tutta la città e Linate, un Cessna Citation CJ2 entrò erroneamente nella pista di decollo principale, provocando il disastro aereo con il più alto numero di vittime mai accaduto in Italia, un solo sopravvissuto.

Sulla pista in fase di decollo, regolarmente autorizzato, il McDonnell Douglas MD-87 della Scandinavian Airlines (SAS).

L’MD-87 SAS non riuscì a schivare il Cessna, dopo lo scontro l’MD-87 si schiantò contro un edificio adibito allo smistamento dei bagagli dello scalo di Linate, dove morirono 4 addetti.

Nulla andò per il verso giusto quell’8 ottobre, una serie di cause hanno provocato l’incidente che forse si poteva evitare, per le carenze strutturali dell’aeroporto di Linate, la segnaletica vecchia e non a norma, radar di terra non operativo e sensori di rilevamento di incursione di pista disattivati.

Anche i soccorsi arrivarono in ritardo proprio a causa della nebbia, impiegando 8 minuti a raggiungere l’MD87 e 26 minuti a rinvenire i resti del Cessna contro i 2 minuti previsti dagli standard internazionali riguardanti gli incidenti aerei.