easyJet Holidays

La sostenibilità per easyJet holidays

  • 2 anni fa
  • 7minuti

easyJet holidays ha lanciato la sua strategia di sostenibilità, guidata dalla visione di “un mondo in cui i viaggi hanno un impatto positivo sull’ambiente e sulle comunità locali“, sostenuta da ambiziosi impegni di sostenibilità, che guideranno le sue attività nei prossimi cinque anni. 

L’annuncio è supportato da una nuova ricerca1 sui consumatori che ha rilevato che il 65% delle persone afferma che le aziende turistiche potrebbero fare di più per incoraggiare i clienti a viaggiare in modo sostenibile e che la pandemia ha fatto sì che i consumatori si preoccupassero maggiormente della sostenibilità delle loro vacanze come oltre un terzo (35%) dire che ora è ancora più importante per loro.

Come parte della sua strategia, l’azienda ha creato una tabella di marcia di azioni, a breve, medio e lungo termine per incorporare la sostenibilità nella cultura e nelle decisioni aziendali dell’azienda nei prossimi cinque anni. 

Il suo impegno a garantire il mantenimento di standard elevati lungo tutta la catena di approvvigionamento sarà supervisionato da un comitato direttivo per la sostenibilità guidato da Matt Callaghan, Direttore clienti e operazioni e membro del consiglio di amministrazione di easyJet holidays, che lavorerà a stretto contatto e attingerà alla vasta conoscenza della sostenibilità e l’esperienza di Garry Wilson, CEO di easyJet holidays e Jane Ashton, Direttore della sostenibilità easyJet insieme al suo team. easyJet holidays lavorerà inoltre in collaborazione con i suoi partner del settore e delle destinazioni in una consultazione continua.

Tre pilastri

La nuova strategia si concentra su tre pilastri fondamentali: creare scelte di vacanza migliori che mirano a rendere i viaggi sostenibili accessibili e accessibili a tutti; mantenere le nostre vacanze speciali, massimizzando i benefici e riducendo al minimo gli impatti negativi dei viaggi e del turismo, compreso l’impegno a supportare gli hotel con cui collabora per ottenere la certificazione da parte di un ente di certificazione accreditato GSTC o la certificazione secondo uno standard riconosciuto dal GSTC e trasformare i viaggi per tutti coloro che significa incorporare la sostenibilità nelle decisioni e nei comportamenti aziendali e guidare un cambiamento significativo nel settore. easyJet holidays ha già annunciato di diventare un membro del GSTC e di unirsi alla Future of Tourism Coalition.

Un’area chiave per l’azienda turistica che supporterà al 100% i suoi hotel a contratto diretto per ottenere la certificazione da parte di un ente di certificazione accreditato GSTC o la certificazione secondo uno standard riconosciuto dal GSTC entro la fine del 2025.

Ciò è supportato da una nuova ricerca che mostra uno dei I primi tre modi in cui i consumatori potrebbero ricercare una vacanza sostenibile è cercare vacanze con certificazione ufficiale di sostenibilità (35%)2 . L’azienda si impegna inoltre a supportare le attività e le attività di proprietà e gestione locale, nonché a sostenere gli standard del lavoro, a promuovere la salute, la sicurezza e il benessere e a rispettare la parità di retribuzione.

La nuova missione di easyJet holidays, che sosterrà questo piano quinquennale, ha al centro i viaggi responsabili. Dice: “Quando si tratta di sostenibilità, vogliamo alzare l’asticella, scuotere positivamente le cose e guidare il settore. Rendere la sostenibilità parte della nostra cultura quotidiana, consentendo a noi, ai nostri partner e ai nostri clienti di ridurre il loro impatto ambientale e avere un impatto positivo sulle persone e sui luoghi che rendono le nostre destinazioni così speciali”.

Garry Wilson, CEO di easyJet Holidays, ha dichiarato; “Sono orgoglioso di lanciare la nostra nuova visione e missione di sostenibilità, sviluppata insieme alle nostre persone e ai nostri partner, che supporta la nostra ambizione di reimmaginare cosa significa viaggiare offrendo vacanze che non costano la terra. Questa nuova strategia è sostenuta da un’approfondita valutazione dei temi ambientali, sociali ed economici sui quali easyJet Vacations ha il maggiore impatto, nonché dei temi che interessano maggiormente i nostri stakeholder, dai nostri hotel partner ai nostri clienti.

“Vorremmo ringraziare tutti i nostri partner che hanno generosamente condiviso le loro intuizioni e competenze per aiutarci a sviluppare un approccio ambizioso e realizzabile. Nei prossimi cinque anni lavoreremo per integrare la sostenibilità in ogni aspetto della nostra attività e per far evolvere attivamente il nostro approccio. Come easyJet Holidays, siamo all’inizio del nostro viaggio e sappiamo che non sarà facile, ma ci impegniamo a scuotere positivamente le cose all’interno della nostra attività, con i nostri partner e in tutto il settore”.

Randy Durband, CEO di GSTC, ha dichiarato; “I criteri GSTC fungono da standard globali per la sostenibilità nei viaggi e nel turismo. GSTC si impegna ad accelerare l’adozione di pratiche più sostenibili nel settore dei viaggi e del turismo, quindi siamo lieti che easyJet Holidays abbia piani tangibili con i propri partner per diventare più sostenibili e rendere il più facile possibile per i viaggiatori rendere più sostenibile scelte. Non vediamo l’ora di impegnarci con easyJet holidays per raggiungere il loro obiettivo di consentire ai loro hotel convenzionati di essere certificati come sostenibili e supportare attività e attività di proprietà e gestione locale”.  

Mark Tanzer, amministratore delegato di ABTA, ha dichiarato: “ABTA crede che i viaggi e il turismo siano una potente forza positiva: creare valore economico e sociale, sostenere posti di lavoro, sostenere le imprese e aumentare gli investimenti interni per destinazioni in cui molti mezzi di sussistenza dipendono dal turismo.

“Per offrire i vantaggi del turismo e affrontare sfide ambientali e sociali cruciali, le compagnie di viaggio devono integrare la sostenibilità in tutte le aree della loro attività. Lavoriamo con i nostri membri, destinazioni e altre parti interessate su questi temi e siamo anche orgogliosi che la nostra azienda dedicata Travelife for Accommodation abbia il suo standard riconosciuto da GSTC ed è un programma di certificazione di sostenibilità leader che guida la pratica sostenibile nel settore degli alloggi.

Incorporare la sostenibilità nella cultura e nelle decisioni aziendali dell’azienda fa parte della missione di easyJet holiday di essere il fornitore di vacanze più affidabile nel Regno Unito. Questa nuova strategia di sostenibilità segue il recente annuncio dell’azienda che è il primo grande tour operator del Regno Unito a compensare le emissioni di carbonio associate alle sue vacanze, quindi il carburante dai suoi voli, i trasferimenti e l’energia dai soggiorni in hotel. Questa mossa verrà applicata anche a tutti i viaggi dal lancio di easyJet Holiday nel novembre 2019. La compensazione del carbonio sarà intrapresa attraverso schemi accreditati da due dei più alti standard di verifica – Gold Standard e VCS – e includerà progetti forestali, rinnovabili e basati sulla comunità.

easyJet holidays si basa sull’impegno di easyJet per la sostenibilità.

easyJet si è concentrata a lungo sulla riduzione delle proprie emissioni di carbonio, trasformando la propria flotta in velivoli sempre più moderni e a basso consumo di carburante, pilotandoli in modi che massimizzano l’efficienza del carburante e ottimizzando il più possibile i carichi dei passeggeri. 

Nel 2019, è stata la prima grande compagnia aerea al mondo a operare voli a emissioni zero su tutta la sua rete. La compagnia aerea è inoltre pienamente impegnata nella decarbonizzazione dell’aviazione, in linea con gli obiettivi del governo del Regno Unito e dell’UE di emissioni nette zero entro il 2050 e ha diverse partnership per supportare il cambiamento tecnologico.


1 La ricerca è stata commissionata da vacanze easyJet e condotto da Censuswide dal 3 °  al 6 °  settembre 2021 con un campione rappresentativo a livello nazionale di 2.008 adulti britannici.

2 La ricerca è stata commissionata da vacanze easyJet e condotto da Censuswide dal 3 °  al 6 °  settembre 2021 con un campione rappresentativo a livello nazionale di 2.008 adulti britannici