London Gatwick LGW

Gatwick si unisce al Travel Day of Action

L’aeroporto di Gatwick si è unito ad altri aeroporti, compagnie aeree e aziende del settore del turismo e aviazione, invitando il governo a riaprire i viaggi in sicurezza e a fornire un supporto vitale al settore, nell’ambito del “Travel Day of Action”.

Insieme a Gatwick, l’Airport Operators Association (AOA), Airlines UK, ABTA e la British Airline Pilots Association (BALPA), chiedono al governo di capitalizzare sul lancio del vaccino riaprendo in sicurezza i viaggi questa estate e fornire un supporto finanziario su misura per le aziende, in vista della revisione delle restrizioni da parte della Global Travel Taskforce la prossima settimana.

La pandemia è stata una catastrofe per gli aeroporti e l’industria dei viaggi in tutto il mondo.

I dati della IATA mostrano che, degli 1,6 milioni di posti di lavoro nel settore dell’aviazione, dei viaggi e del turismo prima della pandemia, 860.000 sono già scomparsi o sono sostenuti solo da contributi agli stipendi del governo.

Prima della pandemia, Gatwick è stato un motore chiave per l’economia, il commercio e il turismo nel sud-est, contribuendo con 2,7 miliardi di sterline al prodotto interno lordo regionale, sostenendo un posto di lavoro su 12 in tutta la regione e offrendo un impulso commerciale di 7,2 miliardi di sterline nel Regno Unito.

A causa del COVID-19, Gatwick ha visto diminuire il numero dei passeggeri del 78% nel 2020, con una riduzione dei livelli di personale di oltre il 40%, con fino al 70% del personale rimanente in congedo.

Senza una stagione estiva significativa – un periodo cruciale dell’anno per aeroporti e compagnie di viaggio – sono in gioco molte migliaia di mezzi di sussistenza, così come la capacità degli aeroporti di riprendersi e ricollegare il Regno Unito al mondo. ciao

Travel Day of Action

Nell’ambito del Travel Day of Action, che vedrà 800 persone partecipare ad una manifestazione organizzata fuori dal Parlamento a Londra, con ulteriori eventi a Edimburgo e Belfast, Gatwick si unisce agli appelli al governo del Regno Unito per:

  • Consentire ai viaggi internazionali di tornare in sicurezza e in un modo gestito dal rischio implementando adeguatamente il piano della Global Travel Taskforce per un sistema di semafori , ampliando la lista verde in linea con le prove e rendendo le restrizioni più proporzionate, pur mantenendo una forte lista rossa per guardia contro le varianti. Il governo dovrebbe anche capitalizzare il successo del lancio del vaccino allentando i requisiti di test e quarantena per gli individui completamente vaccinati. 
  • Presentare un pacchetto di sostegno finanziario su misura, compresa l’estensione del sostegno in congedo , riconoscendo che la capacità del settore dei viaggi di commerciare e generare reddito è molto più lenta di quanto inizialmente previsto e più graduale rispetto alle imprese nell’economia nazionale.

Il governo dovrebbe fornire un aggiornamento sull’elenco dei paesi nelle liste del sistema a semaforo entro la prossima settimana e il 28 giugno è prevista una revisione dei requisiti per i viaggi internazionali.

L’amministratore delegato dell’aeroporto di Gatwick, Stewart Wingate, ha dichiarato: ” Dato il tempo extra concesso dal recente ritardo nella revoca del blocco, esortiamo il governo a utilizzare il tempo per mettere in atto un sistema semplice, efficace e coordinato a livello internazionale in modo che coloro che sono stati vaccinati due volte possono viaggiare all’estero senza la necessità di costosi test.

“Ciò aiuterebbe a garantire che le vacanze estive all’estero possano essere una realtà per le molte persone che cercano disperatamente di riunirsi con amici e familiari o godersi una meritata pausa e allo stesso modo fornirebbe un enorme impulso al settore dei viaggi, che è stato colpito in modo così devastante da COVID -19.

“Abbiamo anche bisogno di più paesi aggiunti regolarmente alla lista verde se l’aeroporto, le nostre catene di approvvigionamento e le nostre imprese devono ricostruire e proteggere quanti più posti di lavoro possibile. Gatwick è stato un importante motore per l’economia locale e regionale per diversi decenni, oltre a sostenere la più ampia economia del Regno Unito durante quel periodo. L’intero settore richiede un sostegno finanziario più personalizzato da parte del governo se vogliamo ricostruire con successo e garantire che il Regno Unito rimanga un attore globale significativo con connessioni eccezionali con le principali economie mondiali”.

L’amministratore delegato dell’Associazione degli operatori aeroportuali, Karen Dee, ha dichiarato: “L’approccio eccessivamente cauto del governo alla riapertura dei viaggi ha conseguenze nel mondo reale per 1,6 milioni di posti di lavoro nell’industria dell’aviazione e del turismo del Regno Unito che si basano su un significativo riavvio dell’aviazione.

“A meno che il governo non renda possibile un significativo riavvio dell’aviazione estendendo la lista verde alla prossima revisione, passando a test rapidi e convenienti per i viaggiatori di ritorno e seguendo gli esempi dell’UE e degli Stati Uniti riducendo le restrizioni sui passeggeri completamente vaccinati, l’aviazione e i viaggi stanno per affrontare un’estate estremamente difficile.

“Se il governo decide che non può riaprire i viaggi in modo più significativo, allora dovrebbe essere pronto a dare un sostanziale risarcimento finanziario agli aeroporti e ad altri nel settore dell’aviazione e del turismo. 

“I posti di lavoro e i mezzi di sussistenza nelle aziende di tutta l’economia che necessitano di connettività aerea per il loro successo sono a rischio. Il governo non può permettersi di lasciarli andare”.

In tempi normali, i viaggi all’estero dei residenti nel Regno Unito, sia per affari, per vacanze o per vedere la famiglia e gli amici, hanno generato più di 53 miliardi di sterline di spesa interna.

Inoltre, l’industria inbound ha soddisfatto i 41 milioni di turisti, viaggiatori e uomini d’affari che arrivavano sulle nostre coste, spendendo 28,4 miliardi di sterline nelle nostre città e attrazioni di livello mondiale.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017