Johan Lundgren CEO di easyJet easyJet

easyJet, Lundgren: ok al semaforo, ma troppo alto il…

Il sistema del semaforo del governo potrebbe dare il via libera a molte famiglie quest’estate, ma Johan Lundgren, CEO di easyJet esprime i suoi dubbi e le richieste al governo, affinchè volare sia ancora accessibile e senza restrizioni tra paesi a basso rischio.

In uno statement diffuso oggi, il CEO di eayJet, pur condividendo con alcune obiezioni il sistema a semaforo del Regno Unito, pone l’attenzione principalmente sull’alto costo dei test PCR richiesti dal governo britannico anche per chi proviene da zone a basso rischio.

Quando easyJet è stata fondata un quarto di secolo fa, ha reso i viaggi accessibili a tutti. Lanciato con lo slogan di “voli per meno di un paio di jeans”, abbiamo continuato a mantenere questa promessa a 25 anni di distanza, con tariffe di partenza ancora oggi a partire da circa £ 20.”

Tutto ebbe inizio Il 18 ottobre 1995, quando Stelios svelo’ per la prima volta alla stampa easyJet, al Planet Hollywood a Leicester Square di Londra, questo il primo spot in assoluto di easyJet.

Il primo spot di easyJet, slogan: biglietti al prezzo di un paio di jeans! “.

Prima della pandemia” scrive Johan Lundgren ” volavamo circa 100 milioni di clienti pagando in media £ 50 per volo. Sfortunatamente, la conseguenza non intenzionale del sistema a semaforo del governo per i viaggi sembra rendere molto più costoso il viaggio per una meritata vacanza o per vedere la famiglia e le persone care quest’estate. Ciò significa che, sebbene il divieto di viaggio possa essere revocato, sarebbe solo di nome e le vacanze potrebbero non essere previste per molte famiglie.”
 

Questo perché anche per i viaggi da paesi “verdi” il governo prevede di richiedere alle persone di eseguire due test Covid, uno dei quali è un test PCR, molto costoso. Questo aumenterà di molto il costo del viaggio e non vediamo perché sia ​​necessario per viaggiare da paesi a basso rischio. Non stiamo spingendo per la riapertura dei viaggi ad ogni costo: dobbiamo proteggere il sistema sanitario nazionale inglese (NHS) e il programma di vaccinazione. Abbiamo lavorato con scienziati esperti per capire cosa sarebbe necessario per riavviare il viaggio in sicurezza. Ma dove è sicuro farlo dovremmo riaprire i viaggi, per consentire alle persone di vedere le loro famiglie, lavorare e sì, fare una vacanza sudata, in particolare dopo l’anno scorso. 

Il successo del programma di vaccinazione del Regno Unito è la chiave per sbloccare i viaggi in sicurezza. Spezza il legame tra COVID e ricoveri. Ciò significa che i viaggi senza restrizioni dovrebbero essere consentiti nei paesi a basso rischio poiché il viaggio non aumenterebbe il tasso di ricoveri. 
 
Saranno ancora necessarie restrizioni per i paesi in cui i livelli di Covid sono molto alti e dove esiste un rischio reale che nuove varianti possano minare il programma vaccinale. Lo riconosciamo e supportiamo queste restrizioni. Ma non vediamo alcuna ragione scientifica per cui viaggiare da un paese verde a basso rischio dovrebbe richiedere test, proprio come un volo dalla Scozia all’Inghilterra non richiede test. “

A questo proposito segnalavo il problema del Regno Unito relativo al rischio fondato delle due varianti brasiliana e indiana, il vaccino Astra Zeneca, maggiormente utilizzato in UK sembra non essere efficace, motivo per cui il Regno Unito mantiene anche per i paesi in lista verde, il tampone PCR.

Ma il costo del test PCR è molto alto nel Regno Unito: “Attualmente il requisito proposto per due test potrebbe aggiungere fino a £ 500 per una famiglia di quattro persone. Questo sarebbe effettivamente un ritorno al volo come qualcosa che i ricchi possono permettersi e lo metterebbe fuori dalla portata di molte famiglie laboriose in un momento in cui così tante hanno bisogno di una pausa. Il Governo ha giustamente detto che lavorerà per abbattere questi costi e nel frattempo collaboreremo anche con i nostri partner per fare il possibile per ridurre i prezzi, ma mi appello al Primo Ministro per riesaminare i dati. Poiché il resto della società e dell’economia britannica si apre, non ha senso trattare i viaggi, in particolare nei paesi a basso rischio, in modo diverso. Siamo pronti e in grado di accelerare per var volare i nostri passeggeri. 
 
Quindi” conclude Johan Lundgren CEO di easyJet “faremo pressioni sul governo per cercare di garantire che i viaggi non siano fuori dalla portata di milioni di persone quest’estate, chiedendo loro di ripensare e dare il via libera alle famiglie per viaggiare nei paesi a basso rischio.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017