Norse Atlantic Airways

In USA tentano di bloccare Norse Atlantic

Il presidente del Comitato per i trasporti e le infrastrutture della Camera degli Stati Uniti e il presidente della sottocommissione per l’aviazione hanno esortato l’amministrazione Biden a negare il permesso richiesto al DOT da Norse Atlantic.

Il presidente della commissione per i trasporti e le infrastrutture degli Stati Uniti, Peter DeFazio, e il presidente della sottocommissione per l’aviazione, Rick Larsen, hanno invitato il dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti (DOT) a negare i permessi a Norse Atlantic Airways, con alcune motivazioni in merito al personale della compagnia.

DeFazio e Larsen sostengono che il modello di Norse Atlantic che utilizza personale non assunto direttamente dalla compagnia, ma da OSM aviation, società fondata dal maggior azionista e CEO di Norse, non rispetta le norme sul lavoro in Norvegia, in quanto i dipendenti vengono assunti da una società non norvegese.

Entrambi i rappresentanti hanno paragonato Norse Atlantic a Norwegian, cercando evidentemente di penalizzare Norse, ma le due società seppure hanno tra gli azionisti, ex personale o persone direttamente collegate a Norwegian, tra cui lo stesso fondatore Bjørn Kjos, non è Norwegian.

Norwegian con una crescita esponenziale, seppur non redditizia per la compagnia, “ha infastidito” le compagnie aeree USA, che come nel caso di Air Italy, preferirebbero che il DOT non rilasci il permesso, ma dubito che questo succederà.

DeFazio sostiene, riferendosi a Norwegian che il dipartimento dei trasporti nel 2016 ha “rilasciato in modo imprudente” il permesso a Norwegian ed ha aggiunto che successivamente per evitare le leggi sul lavoro in Norvegia abbia poi trasferito tutto il personale in società controllate dalla stessa Norvegia in Irlanda.”È imperativo correggere l’errore del 2016 e negare la richiesta di questa compagnia aerea“, ha detto di Norse Atlantic.

In una lettera, i due membri del Congresso hanno aggiunto: “Il loro modello di business a basso costo a lungo raggio era basato sull’utilizzo di piloti e assistenti di volo impiegati con contratti a breve termine e assegnati alle filiali norvegesi tramite società di approvvigionamento di equipaggio di terze parti. In breve, la norvegese ha sfruttato la manodopera godendo dei benefici liberalizzati dell’accordo sui cieli aperti USA-UE-Islanda-Norvegia e competendo ingiustamente con le compagnie aeree che non sovvertono gli standard di lavoro equi “.

Bjoern Tore CEO di Norse Atlantic, contattato da Reuters ovviamente si rifiuta di accettare il paragone: “Norse Atlantic Airways è una compagnia norvegese. Sappiamo che i consumatori americani vogliono una compagnia aerea che possa farli volare in modo sicuro e confortevole attraverso l’Atlantico a una tariffa bassa, e noi di Norse Atlantic forniremo proprio questo. Avremo dipendenti permanenti negli Stati Uniti, in volo e a terra. Useremo gli aerei Boeing Dreamliner e ovviamente rispettiamo il diritto dei dipendenti di sindacalizzarsi se lo desiderano “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017