Covid-19 Italia IT

Una vacanza in Italia no, all’estero è possibile

Tempo di lettura 2 minuti

Un vero e proprio “paradosso” intere regioni in zona rossa, non possiamo allontanarci di casa, non possiamo spostarci per un weekend, ma ci è consentito andare in aeroporto e prendere un volo per le isole Canarie, per Maiorca ad esempio.

Il nostro turismo è in ginocchio, ma paradossalmente alimentiamo quello estero, come se il rischio esista in un hotel di Cortina o Venezia, ma non in un hotel spagnolo, non è considerato un comportamento a rischio, se durante quella settimana, un italiano avrà contatti con un tedesco, uno spagnolo, un francese o un portoghese, a quanto pare però, è un rischio se un cittadino di un comune incontra per un caffè quello del comune vicino o il suo vicino di casa.

Il ministero dell’Interno in una nota ha consentito di raggiungere gli aeroporti, “Sono giustificati se finalizzati a raggiungere il luogo di partenza di questo tipo di viaggi che, in quanto generalmente consentiti, non possono subire compressioni o limitazioni al proprio svolgimento“. Valigia alla mano e muniti di autocertificazione, il viaggio da casa in aeroporto, anche in zona rossa, è attualmente ritenuto tra i movimenti essenziali consentiti.

Nei decreti di chiusura nessuna norma vieta i viaggi all’estero per una vacanza.

Paesi dove è consentito volare

Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco.

Possiamo spostarci in Italia solo per motivi di salute, lavoro o estrema necessità, possiamo però tranquillamente andare nei paesi appena elencati, rispettando i requisiti di ingresso, senza alcun problema.

Anche in Germania e Francia

Migliaia di tedeschi desiderosi di vacanze pasquali con 130 voli tra sabato e domenica hanno raggiunto Minorca e la cancelliera non può imporre il divieto per motivi legali.

I francesi invece volano a Madrid, dove la presidente di regione Ayuso ha permesso l’apertura serale a bar e ristorante, così come a palestre e piscine, attirandosi decine e decine di turisti francesi.

Il risultato è una gran folla per tutta la città, con il 40% delle nuove infezioni dell’intero Paese concentrato solo a Madrid.  

Come sono possibili queste palesi incoerenze?

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017