Flyr Flyr

Flyr: $ 70 milioni dal suo ingresso in borsa…

Il progetto di Erik G. Braathen per Flyr ha raccolto un largo consenso anche in borsa ad Oslo, dove si è quotata il 1 marzo.

Questo dopo lo stesso consenso da parte di investitori privati, che avevano già investito 600 milioni di corone norvegesi (58,7 milioni di euro).

Norvegia

Un opportunità d’oro per Flyr che inizia il suo volo, da uno dei mercati più redditizi del continente europeo, lo stesso mercato in cui Norwegian ha deciso di “ripartire“, ma con meno forza e quindi lasciando anche spazio ad altri vettori.

La Norvegia per la sua geografia dipende molto più di altri dai collegamenti aerei, i paesi scandinavi in generale sono tra i più redditizi perché gli abitanti sono quelli che volano di più e non possono farne a meno, per il motivo appena citato.

Flyr è una compagnia al 100% norvegese, un dettaglio importante in una cultura come quella scandinava, pensiamo solo all’accoglienza data a Wizz Air con il suo sbarco a Oslo.

Flyr è stato creato per il mercato norvegese dopo la pandemia di coronavirus. La Norvegia è un paese allungato con fiordi e montagne, il che significa che dobbiamo volare negli anni a venire, ma probabilmente un po ‘meno di quanto abbiamo fatto prima “, si legge nel sito web di Flyr.

Un mercato che è pronto a riprendersi dopo la crisi, ma che in parte andrò ricostruito “Questo ci consentirà di perseguire opportunità in un mercato in evoluzione e in un’industria aerea in ripresa”, ha dichiarato lunedì a Reuters Tonje Wikstroem Frislid, CEO di Flyr .

La flotta

Reuters lunedì indica che Flyr non ha ancora stretto contratti di leasing per i Boeing B737-800 scelti per la flotta.

Il primo volo dovrebbe decollare entro questa estate, la flotta dovrebbe crescere nelle settimane successive.

“Grazie alla disponibilità di aeromobili ed equipaggio, per Flyr è possibile uno scale-up rapido e guidato dalla domanda ” , afferma Tonje Wikstrøm Frislid CEO Flyr.

Le assunzioni sono state già aperte per le funzioni di volo e aziendali/gestionali operative.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi