Volotea

Volotea ha riaperto le assunzioni

Tempo di lettura < 1 minuto

Volotea è stata una delle pochissime compagnie aeree a non aver licenziato durante questa pandemia, con la crescita della flotta, che ora è al 100% Airbus, c’è la necessità di più personale, non solo piloti, ma anche assistenti di volo.

Per ogni volo operato con Airbus A319 o A320 l’equipaggio di cabina dovrà essere di 4 AV, con il 717 erano solo 3, ma questo non è l’unico motivo.

Cresce la flotta, aumentano le destinazioni, Volotea sta pianificando un ulteriore crescita nonostante la crisi, per ripartire ancora più forti non appena le restrizioni covid verranno allentate.

Volotea ha dimostrato lo scorso anno che ha tutte le capacità necessarie per adattare in brevissimo tempo il proprio operativo, lo scorso anno lo ha fatto con un focus domestico, viste le restrizioni per le destinazioni internazionali e nel mese di agosto ha avuto un calo del numero passeggeri di solo 9 punti percentuali.

Non solo in Italia, anche in Spagna, dopo l’accordo con Iberia, aprirà nuove basi, il gruppo IAG con Iberia per acquisire Air Europa ha infatti dovuto cedere alcune rotte.

Volotea inoltre in Italia, oltre a mantenere salda la propria posizione negli aeroporti storici della rete, sta anche acquisendo alcune quote di mercato che erano di easyJet, come ad esempio a Venezia.

La ricerca di AV certificati e non certificati, attualmente è per le basi di Venezia, Verona e Cagliari in Italia e Atene in Grecia.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi