Accor hotels

Accor, quasi 2 miliardi di perdita nel 2020

Tempo di lettura 4 minuti

Fatturato in calo del 60% a € 1.621 milioni (-55% lfl) ebitda: € (391) milioni di recurring free flusso di cassa: € (727) milioni di perdita netta, azione del gruppo: € (1.988) milioni

Sullo sfondo senza precedenti della crisi sanitaria globale, il RevPAR è sceso del 62,0% nel 2020. Questo netto calo riflette il drammatico deterioramento del settore legato alla diffusione del virus Covid-19 in tutto il mondo, nonché le misure di blocco e la chiusura dei confini.

Tuttavia, Accor riconosce alcuni segnali di ripresa significativa in tutte le regioni nel terzo trimestre, con una forte stagione estiva in Europa, dopo il minimo registrato nel secondo trimestre (RevPAR-88,2% nel secondo trimestre). 

Le nuove restrizioni attuate dai governi europei in risposta alla recrudescenza dell’epidemia nell’ultimo trimestre hanno bloccato la ripresa estiva. Il RevPAR consolidato è sceso del 66,2% nel quarto trimestre e il RevPAR in Europa è sceso del 73,1%, mentre è proseguita la graduale ripresa in altre regioni. 

Durante l’intero anno 2020, Accor ha aperto 205 hotel, ovvero 28.942 camere, confermando l’appeal dei marchi del Gruppo, a fine anno 2020, il Gruppo aveva un portafoglio alberghiero di 753.344 camere (5.139 hotel) e una pipeline di 212.000 camere (1.209 hotel), di cui il 73% nei mercati emergenti.

Al 31 dicembre 2020, l’82% degli hotel del Gruppo era aperto, ovvero più di 4.000 unità.

Sébastien Bazin, Presidente e Amministratore delegato di Accor, ha dichiarato : “Nel 2020, l’industria alberghiera ha attraversato una crisi senza precedenti. In risposta alla pandemia, Accor, i suoi dipendenti ei suoi proprietari hanno compiuto uno sforzo straordinario in tutto il mondo per sostenere le persone più colpite, continuando a sostenere i loro valori di generosità, ospitalità e condivisione. Allo stesso tempo, l’introduzione da parte del Gruppo di misure per proteggere i propri dati finanziari è stata rapida e disciplinata. Le misure hanno prodotto benefici nella seconda metà dell’anno e hanno contribuito a limitare l’impatto della crisi sanitaria. Il Gruppo ha inoltre proseguito con il lancio di iniziative su larga scala per pianificare in anticipo la ripresa economica e consolidare la propria posizione di leadership nello stile di vita: implementazione di una nuova organizzazione snella e agile, fusione con Ennismore attraverso la creazione di un’entità dedicata composta da 12 uniche marchi di hotel. Nel 2021, mentre il vaccino sta assicurando una graduale ripresa del turismo driven – in gran parte guidato dai turisti – Accor è nella posizione ideale per beneficiare della ripresa e portare avanti la sua roadmap “.

Ricavi consolidati

I ricavi consolidati per l’intero 2020 sono stati pari a 1.621 milioni di euro , in calo del 54,8% a perimetro costante e in calo del 60,0% rispetto all’intero anno 2019.

I ricavi riportati per il periodo riflettono i seguenti fattori:

  • Le variazioni dell’area di consolidamento (acquisizioni e dismissioni) hanno avuto un impatto negativo di 155 milioni di euro, principalmente a causa della cessione degli hotel Mövenpick in locazione.
  • Gli effetti valutari hanno avuto un impatto negativo di 53 milioni di euro, principalmente a causa del dollaro australiano (-2,7%) e del real brasiliano (-24,7%).

Entrate di HotelServices HotelServices , che include le commissioni da Management & Franchise (M&F) e Services to Owners, ha registrato un fatturato di 1.142 milioni di euro , in calo del 59,8% a parità di condizioni, riflettendo il calo del RevPAR a seguito della crisi sanitaria e delle misure di blocco del governo implementato in tutto il mondo. 
I ricavi di Management & Franchise (M&F) sono stati pari a 292 milioni di euro , in calo del 71,4% a perimetro costante. Il calo più marcato di questa voce rispetto al RevPAR riflette il crollo delle commissioni di incentivo sulla base del margine operativo dell’hotel generato dai contratti di gestione. 

Il RevPAR consolidato è sceso complessivamente del 62,0% per l’intero anno e del 64,5% per il secondo semestre.

I ricavi di M&F sono diminuiti di un netto 74,3% like-for-like in Europa , riflettendo un calo del 63,3% nel RevPAR che era generalmente coerente in tutti i segmenti.

  • In Francia , RevPAR è sceso del 57,6% a perimetro rispetto all’intero anno 2020. Dopo un promettente terzo trimestre guidato dalle città regionali (RevPAR in calo del 49,1% nel 2020) rispetto a Parigi e nella regione di Parigi (RevPAR in calo del 68,9% nel 2020), la ripresa del RevPAR si è bloccata nel quarto trimestre con il secondo blocco. La mancanza di visitatori stranieri continua ad avere un impatto significativo sulla capitale;
  • Nel Regno Unito , il RevPAR è diminuito del 73,3%. Il RevPAR a Londra è sceso del 78,5%, leggermente più colpito rispetto al resto del paese (-67,3%) dove l’attività domestica è stata più forte. Il Regno Unito è stato colpito da blocchi più lunghi rispetto al resto d’Europa poiché la recrudescenza della pandemia è stata più violenta;
  • In Germania , dove le misure di blocco sono state ripristinate nel quarto trimestre, il RevPAR è sceso del 64,7% nel 2020;
  • In Spagna , il RevPAR è diminuito del 74,9% nel 2020.

I ricavi di M&F in Asia-Pacifico sono diminuiti del 63,8% a parità di perimetro a seguito di un calo del 54,9% del RevPAR.

  • In Cina , la ripresa osservata dal secondo trimestre in poi si è accelerata trimestre dopo trimestre, determinando un calo del 44,2% del RevPAR nel corso dell’anno (-18,1% nel quarto trimestre). Il segmento Luxury & Premium ha sovraperformato i segmenti Economy e Midscale, riflettendo il profondo desiderio della popolazione cinese di viaggiare di nuovo. Le nuove limitazioni ai viaggi in vigore dall’inizio del 2021, in particolare per il capodanno cinese, evidenziano tuttavia la fragilità della situazione sanitaria e il suo impatto sulla ripresa;
  • In Australia , dove la crisi sanitaria è stata nel complesso ben gestita, il RevPAR è sceso del 53,3% nell’intero anno 2020. La ripresa iniziata a dicembre, l’inizio della stagione estiva, è proseguita. Il paese ha mantenuto i confini chiusi ma beneficia di una forte attività interna, come quella vista in Europa nel terzo trimestre, che ha dato impulso alle destinazioni per il tempo libero. Questo è stato particolarmente positivo per gli hotel Mantra.

La regione Africa e Medio Oriente ha registrato un calo dei ricavi di Management & Franchise del 74,6%, con RevPAR in calo del 59,9%. Gli affari si sono ripresi lentamente e gradualmente, in particolare con un dicembre forte per gli Emirati Arabi Uniti grazie alla ripresa dei viaggi aerei.

Il Nord America, l’America centrale e i Caraibi hanno registrato un calo del 72,0% dei ricavi M&F, in linea con il calo del RevPAR del 73,9% nel 2020. Questo forte calo riflette la natura del portafoglio di Accor, con i suoi numerosi hotel d’affari destinati agli ospiti del gruppo e MICE (Meeting, Incentives, Conferences & Events). 
Infine, anche l’attività in Sud America ha registrato una graduale ripresa con RevPAR in calo del 61,9% nel 2020. I ricavi di Management & Franchise sono diminuiti del 65,3%.

I ricavi dei servizi ai proprietari , che includono le divisioni Vendite, Marketing, Distribuzione e Fedeltà, nonché i servizi condivisi e il rimborso dei costi del personale dell’hotel, sono stati pari a 850 milioni di euro, rispetto a 1.867 milioni di euro dell’intero anno 2019.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi