SWISS

SWISS disdice contratto collettivo piloti

Tempo di lettura 3 minuti

SWISS ha deciso di chiudere i negoziati con il sindacato dei piloti Aeropers sulle misure temporanee di crisi in risposta alla pandemia di coronavirus senza raggiungere alcun risultato. 

Aeropers, secondo quanto dichiarato da SWISS in una nota, non era disposta a fare concessioni sufficienti da applicare durante il periodo di crisi provocata dalla pandemia.

SWISS ha quindi notificato un preavviso ordinario per risolvere l’attuale contratto collettivo di lavoro (CLA) per il suo personale di cabina di pilotaggio il 31 marzo 2022.

SWISS rimane impegnata nella sua partnership sociale e offre trattative su un nuovo CLA.

Come il resto del settore aereo globale, Swiss International Air Lines (SWISS) è stata gravemente colpita dalla pandemia di coronavirus. Nei primi nove mesi del 2020 la compagnia ha subito una perdita operativa di oltre 400 milioni di CHF e ha visto il suo numero di passeggeri diminuire di circa il 70%. Inoltre, la società sta attualmente usufruendo di un prestito bancario garantito dallo stato fino a 1,5 miliardi di franchi che prevede di rimborsare il prima possibile.

In risposta a questi sviluppi, SWISS si è sottoposta a un rigoroso programma di riduzione dei costi. Sostanziali economie di costo sono essenziali in tutte le aree aziendali, in quest’ottica sono stati conclusi accordi di crisi pluriennali con le parti sociali dell’azienda per il personale di terra e di cabina.

Contrattazione con il sindacato dei piloti Aeropers

SWISS ha anche avviato negoziati con l’associazione dei piloti Aeropers nell’agosto 2020, nei prossimi anni, fino a quando non si tornerà alla capacità precedente o a livelli comunque molto vicini, ci sarà un surplus di piloti, lo scopo di questi negoziati era di concludere un contratto collettivo di lavoro (CLA) nuovo e lungimirante che fosse allineato alle esigenze della difficile crisi degli anni a venire. “Ciò dovrebbe sostituire l’attuale CLA del 2018, che non è adatto né alle sfide della crisi del coronavirus né al ripristino dell’azienda in un futuro incerto e volatile” precisa SWISS.

Aeropers, tuttavia, era disposto a discutere solo di misure temporanee di crisi pur mantenendo l’attuale CLA. SWISS era anche pronta a negoziare su tali misure temporanee, a condizione che gli aeroporti accettassero significativi contributi in caso di crisi e un campo d’azione e risposta più ampio.

Nessuna concessione di Aeropers era accettabile

Dopo diversi mesi di intensi negoziati, SWISS ha concluso con rammarico che Aeropers non è disposta a impegnarsi per contributi adeguati in risposta alla crisi attuale. “Senza contributi sostanziali e un raggio d’azione ampliato durante la crisi del coronavirus, riteniamo che sarebbe irresponsabile dal punto di vista aziendale e commerciale mantenere l’attuale contratto collettivo di lavoro“, spiega Thomas Frick, Direttore operativo di SWISS.

SWISS mantiene quindi la sua richiesta originaria di negoziare un nuovo contratto collettivo di lavoro per il suo personale di cabina di pilotaggio. A tal fine la società ha notificato ordinaria comunicazione di risoluzione del presente CLA in data 31 marzo 2022, prima data possibile per farlo, ed invita Aeropers ad avviare tempestivamente trattative su un nuovo contratto collettivo di lavoro.

“Restiamo pienamente impegnati nella nostra partnership sociale”, continua Thomas Frick. “E siamo convinti che, insieme ad Aeropers, possiamo concludere un nuovo contratto collettivo di lavoro per i nostri piloti che tenga in debito conto i tempi di crisi presenti, che sia adatto al futuro e in particolare soddisfi anche i requisiti dell’orario di lavoro moderno Modelli.

La posizione di Aeropers

“Per Aeropers, la rottura dei negoziati e la disdetta del CCL rappresentano “il livello più basso e triste nel partenariato sociale e un segnale preoccupante da parte della società verso i piloti».

Sotto l’attuale CCL, Swiss ha generato i più grandi profitti nella storia della società, aggiunge il sindacato dei piloti. Nei negoziati su come affrontare la crisi del coronavirus, Aeropers aveva dichiarato la sua disponibilità a prendere misure immediate a favore della compagnia aerea, infatti SWISS nella nota lo ha specificato chiaramente.

Nello scorso mese di maggio, nonostante grandi sacrifici, un accordo sul lavoro ad orario ridotto è stato accettato dalla stragrande maggioranza dei membri di Aeropers. Nei negoziati su un nuovo pacchetto temporaneo di misure lanciato a settembre, l’associazione aveva proposto tagli fino al 20% di salario. In totale, questo avrebbe permesso un risparmio di 130 milioni di franchi per il personale di bordo, si legge nella nota di Aeropers.

Ora la compagnia aerea ha persino rifiutato di ricorrere a un mediatore“. Aeropers sottolinea che Swiss, negli accordi con la Confederazione in merito ai prestiti nell’ambito della crisi, si è impegnata a trovare soluzioni conformi al partenariato sociale.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi