Covid-19 Regno Unito UK

UK Airport and Ground Operations Support Scheme

Tempo di lettura < 1 minuto

Lo schema di supporto per aeroporti e servizi aeroportuali del Regno Unito è attivo da oggi.

Gli aeroporti e gli operatori di terra potranno richiedere fino a 8 milioni di sterline ciascuno per sostenere i costi fissi mentre restano in vigore le restrizioni di viaggio.

Il sostegno finanziario aiuterà gli aeroporti e gli operatori di terra a coprire le perdite sui costi.

Il governo inglese riconosce il ruolo cruciale svolto dal settore aereo e il suo contributo all’economia britannica.

Il segretario ai trasporti Grant Shapps ha dichiarato: Una fiorente industria aeronautica è stata fondamentale per il successo di questo paese e, sebbene riconosciamo le condizioni di prova che gli aeroporti stanno attualmente affrontando a causa della pandemia, credo che il settore sarà pronto a riprendersi una volta tolte le restrizioni. Lo schema di oggi è un altro passo nella giusta direzione, fornendo un supporto vitale per un settore che è impaziente di tornare al business, una volta che è sicuro farlo.

Il ministro dell’Aviazione Robert Courts ha dichiarato: “Il settore dell’aviazione svolge un ruolo cruciale nella nostra economia, contribuendo direttamente con 22 miliardi di sterline all’economia britannica e sostenendo circa mezzo milione di posti di lavoro. Siamo ben consapevoli delle sfide che il settore deve affrontare, tuttavia, questo schema darà una spinta agli aeroporti e ai servizi di assistenza a terra in Inghilterra, aiutandoli a continuare a prepararsi per un futuro quando i viaggi internazionali saranno pronti a decollare di nuovo.

Gli aeroporti e gli operatori di terra potranno presentare domanda online per il programma di supporto alle operazioni aeroportuali e di terra e, in caso di esito positivo, riceveranno i loro finanziamenti entro la fine dell’anno finanziario.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi