TUI

Il 25% di Tui al WSF del governo tedesco

L’Assemblea Generale Straordinaria di TUI AG ha approvato a larga maggioranza i tre punti dell’ordine del giorno.

La conversione del prestito WSF in azioni di TUI AG ai sensi della Silent Participation I e’ pari al 25% delle azioni del gruppo.

Il Fondo di stabilizzazione economica della Germania (WSF) e TUI AG hanno firmato l’accordo per due partecipazioni tacite per un totale di 1.091 miliardi di euro.

Le misure del WSF prevedono una partecipazione silenziosa convertibile in azioni TUI da 420 milioni di euro (Silent Participation I). Il secondo tacito intervento ammonta a 671 milioni di euro.

La seconda partecipazione tacita è stata prorogata dell’importo delle garanzie governative in essere come annunciato nell’annuncio ad hoc del 2 dicembre 2020.

I membri del board di TUI al termine dell’assemblea Generale Straordinaria di TUI AG

Non appena le garanzie saranno ricevute, la seconda partecipazione tacita sarà ridotta di conseguenza, c’è gia l’ok della Commissione UE.

L’implementazione delle componenti del terzo pacchetto di finanziamento garantirà inoltre un prolungamento di una porzione della linea di credito KfW esistente per un importo di 500 milioni di euro, senza la linea di credito non sarebbe più stata disponibile dal 1 ° aprile 2021.

L’importo parziale ora ha anche una scadenza come il resto della linea di credito KfW esistente (luglio 2022), una volta che l’obbligazione senior in circolazione è stata rimborsata con i fondi dell’aumento di capitale.

Nell’ambito del terzo pacchetto di finanziamento, KfW partecipa anche a un’ulteriore linea di prestito insieme a banche private per 200 milioni di euro.

Il terzo pacchetto di finanziamenti ha un volume totale di circa 1,8 miliardi di euro.

I dettagli completi e le componenti del terzo pacchetto di finanziamento sono disponibili qui.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi