EuroControl

Le nuove previsioni di EUROCONTROL

Tempo di lettura 2 minuti

EUROCONTROL ha rivisto al ribasso le previsioni per lo scenario di evoluzione del traffico aereo fino a febbraio 2021.

Secondo il suo nuovo “Scenario di stato attuale”, il numero totale di voli previsto in Europa dovrebbe essere inferiore del 55% rispetto al 2019, un calo di 6 milioni di voli in meno, o un’ulteriore riduzione di 1 milione di voli europei rispetto a quanto precedentemente previsto.

Stiamo tornando indietro ora ed è davvero preoccupante per l’intero settore. C’è una mancanza di coordinamento tra gli Stati su come gestire i viaggi aerei nonostante i buoni orientamenti dell’EASA e dell’ECDC; c’è molta confusione e poca fiducia dei passeggeri; e naturalmente i focolai di COVID-19 si stanno diffondendo in tutta Europa. Il nostro nuovo scenario sullo stato attuale potrebbe migliorare se ci fosse un maggiore coordinamento tra gli Stati su come gestire al meglio i viaggi aerei attraverso test armonizzati e criteri di valutazione epidemiologica comuni. Ciò darebbe più prevedibilità per i passeggeri, gli aeroporti e le compagnie aeree. Allo stesso tempo, potrebbe peggiorare ulteriormente se gli Stati continuassero a imporre restrizioni generali e misure di quarantena: questo approccio sta uccidendo l’industria dei viaggi e del turismo. Accogliamo con favore le proposte di armonizzazione della Commissione Europea e incoraggiamo tutte le parti ad adottarle “. ha commentato Eamonn Brennan DIRECTOR GENERAL, EUROCONTROL

Scenario di traffico EUROCONTROL – 14 settembre 2020 (anno base 2019/2020)

EUROCONTROL aveva precedentemente prodotto la bozza di scenari di traffico il 24 aprile, sulla base di uno “scenario di misure coordinate”, che è rimasto estremamente accurato per aprile fino alla fine di agosto e prevedeva un graduale recupero da -89% ad aprile a -50% ad agosto. Questa previsione era corretta (+/- 1% ogni mese).

Quello scenario aveva indicato un calo del 45% o 5 milioni di voli in meno. Tale scenario ipotizzava inoltre che, se il trend fosse rimasto positivo, la graduale ripresa potrebbe potenzialmente continuare per il resto del 2020 e ipotizzava un ripristino di alcune operazioni intercontinentali.

Tuttavia, in risposta alle epidemie di COVID-19 in tutta Europa da metà agosto, gli Stati hanno imposto restrizioni nazionali individuali e non coordinate, requisiti di quarantena e misure di test, che sono principalmente in conformità con le valutazioni epidemiologiche nazionali e le misure sanitarie nazionali. Spesso queste misure vengono annunciate con brevissimo preavviso. Questo “approccio non coordinato” da parte degli Stati ha portato a molta confusione e ha eroso la fiducia dei passeggeri.

Le prenotazioni anticipate per le compagnie aeree nei prossimi mesi sono estremamente basse. Al 13 settembre, il traffico era già diminuito del 53% per il mese rispetto allo stesso periodo del 2019, che era già inferiore di 13 punti percentuali rispetto alla precedente previsione di EUROCONTROL di -40% per l’intero mese di settembre secondo il precedente “Scenario di misure coordinate” .

Tenendo conto di tutto ciò, lo “Scenario dello stato attuale” presume la probabilità che:

Gli Stati restano non coordinati nella loro risposta ai viaggi aerei transfrontalieri, la domanda di viaggiatori d’affari e di piacere rimane estremamente bassa a causa dell’incertezza, dell’imprevedibilità e della confusione del COVID-19 sulle restrizioni statali / misure di quarantena; le compagnie aeree ridurranno ulteriormente la capacità in risposta al crollo delle prenotazioni a termine, il ripristino delle operazioni intercontinentali rimane molto limitato.

Perdita finanziaria totale: tenendo conto di tutto quanto sopra, ci sarà potenzialmente una perdita totale del settore in Europa in entrate di circa € 140 miliardi durante il 2020 per compagnie aeree, aeroporti e ANSP, in aumento rispetto a € 110 miliardi di perdite come indicato il 24 aprile.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi