Norwegian Ground Norwegian

Norwegian, ridurremo la flotta di lungo raggio

Tempo di lettura 2 minuti

Norwegian vuole raggiungere l’obbiettivo della redditività nel 2025, per far questo è inevitabile il ridimensionamento del network anche nei prossimi anni, tornerà il lungo raggio, ma con meno frequenze e destinazioni, la flotta dei Boeing B787 verrà ridotta.

Una conferma quindi del piano illustrato qualche mese fa, ma iniziato più di un anno fa, per portare Norwegian dopo una prima fase molto espansiva a focalizzarsi sulla redditività, un piano che è stato ovviamente adattato alla crisi in corso per tutto il settore.

Non si sa quali basi del vettore per il lungo raggio rimarranno ancora aperte, l’unica sicurezza è Londra Gatwick.

Geir Karlsen, chief financial officer di Norwegian Air, ha dichiarato: “Abbiamo troppi aerei a lungo raggio. Stiamo lavorando per ridurre il numero “.

Norwegian al momento sta effettuando solo rotte di corto e medio raggio dalla Norvegia, con più voli rispetto a quelli inizialmente previsti ma con appena una 20 una di aerei operativi su circa 150 della flotta di Norwegian compresi i 787.

Boeing

I rapporti con Boeing non sono per nulla buoni, Norwegian ha una causa in corso con il costruttore americano per il risarcimento dei danni revocati dalla messa a terra e dalla mancata consegna dei Boeing B737max ordinati.

Karlsen ha dichiarato: “Abbiamo cercato di raggiungere un accordo con Boeing. Non siamo stati in grado di negoziare un accordo accettabile, quindi abbiamo presentato un reclamo contro Boeing a giugno. Abbiamo terminato il nostro intero ordine per il Boeing Max e il 787.”

Lungo raggio

L’amministratore delegato Jacob Schram ha dichiarato: “Ci concentreremo sul modello nordico a corto raggio. Crediamo nel lungo raggio a basso costo, ma dobbiamo ridimensionarlo e partire da lì. Non stiamo deviando dal modello a basso costo. Continueremo a offrire biglietti convenienti alla maggior parte delle persone. Lo stesso con il lungo raggio: noi crediamo nel modello. Ma dobbiamo ridimensionare e crescere più lentamente. Non abbandoneremo il lungo raggio, ma all’inizio lo faremo in modo piccolo.”

Norwegian Air ha operato 13 rotte a lungo raggio da Gatwick alla fine dello scorso anno, con voli per New York, Boston, Orlando, Miami, Tampa, Chicago, San Francisco, Los Angeles, Seattle, Austin, Denver, Rio de Janeiro e Buenos Aires .

Tagliato il 40% del personale

Il vettore ha tagliato il 40% della sua forza lavoro in aprile, con la maggior parte dei dipendenti rimasti in congedo o licenziati.

Schram ha spiegato: “Stiamo utilizzando solo il nostro vettore norvegese a causa del sistema di permessi flessibili in Norvegia. Possiamo aspettarci che questo sistema continui fino alla fine di marzo. Questo ci dà la flessibilità di salire o scendere sulle rotte in atto. “

Un nuovo allarme liquidità

Norwegian Air Shuttle ASA ha affermato che il sostegno ricevuto dal governo non sarà sufficiente per superare la crisi del Covid-19, un annuncio quello di Norwegian, che preoccupa azionisti e creditori.

Gli effetti della crisi provocata dalla pandemia, sta avendo su Norwegian un impatto maggiore del previsto e il rifiuto del governo svedese di contribuire con un ulteriore prestito, ha indebolito ulteriormente la situazione finanziaria del vettore.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi