Airbus

Il primo semestre 2020 di Airbus

Tempo di lettura 4 minuti

Ricavi diminuiti a € 18,9 miliardi (primo semestre 2019: € 30,9 miliardi), spinti dal difficile contesto di mercato con circa il 50% di consegne in meno rispetto all’anno precedente.

EBIT di Airbus rettificato di -1.307 milioni di euro (primo semestre 2019: 2.193 milioni di euro (1)) riflette principalmente la riduzione delle consegne di aeromobili commerciali e la minore efficienza dei costi.

“L’impatto della pandemia di COVID-19 sui nostri dati finanziari è ora molto visibile nel secondo trimestre, con le consegne di aerei commerciali H1 dimezzate rispetto a un anno fa“, ha dichiarato il CEO di Airbus Guillaume Faury. “Abbiamo calibrato il business per affrontare il nuovo ambiente di mercato su base industriale e la catena di fornitura sta ora lavorando in linea con il nuovo piano. È nostra ambizione non consumare denaro prima di fusioni e acquisizioni e finanziamenti ai clienti nel secondo trimestre 2020. Ci troviamo di fronte a una situazione difficile con incertezze future, ma con le decisioni che abbiamo preso, crediamo di essere adeguatamente posizionati per affrontare questi tempi difficili nel nostro settore. “

Gli ordini netti di aeromobili commerciali sono ammontati a 298 (H1 2019: 88 aeromobili), inclusi 8 aeromobili nel secondo trimestre, con il portafoglio ordini composto da 7.584 aeromobili commerciali al 30 giugno 2020. Airbus Helicopters ha siglato 75 ordini netti (H1 2019: 123 unità), di cui 3 Solo H145, 1 Super Puma e 1 H160 solo nel secondo trimestre. L’assunzione di ordini di Airbus Defence and Space è aumentata a € 5,6 miliardi.

I ricavi consolidati sono diminuiti a € 18,9 miliardi (primo semestre 2019: € 30,9 miliardi), spinti dal difficile contesto di mercato che ha avuto un impatto sul business degli aeromobili commerciali con circa il 50% di consegne in meno rispetto all’anno precedente. Ciò è stato parzialmente compensato da tassi di cambio più favorevoli. Sono stati consegnati in totale 196 aeromobili commerciali (H1 2019: 389 aeromobili), compresi 11 A220, 157 A320 Family, 5 A330 e 23 A350. Airbus Helicopters ha registrato ricavi stabili, riflettendo consegne inferiori di 104 unità (H1 2019: 143 unità) parzialmente compensate da servizi più elevati. I ricavi di Airbus Defence and Space sono stati influenzati da volumi e mix più bassi, in particolare da Space Systems, nonché dai ritardi in alcuni programmi causati dalla situazione COVID-19.

Le spese consolidate autofinanziate in R&S ammontano a 1.396 milioni di euro (primo semestre 2019: 1.423 milioni di euro).

Il flusso di cassa consolidato prima delle fusioni e acquisizioni e del finanziamento alla clientela è stato pari a -12.440 milioni di euro (primo semestre 2019: -3.981 milioni di euro), di cui -4,4 miliardi di euro nel secondo trimestre. Anche la cifra corrispondente per il primo trimestre del 2020, esclusi i pagamenti delle penalità – relativi al regolamento di conformità di gennaio con le autorità – era pari a -4,4 miliardi di euro, a dimostrazione del fatto che le misure di contenimento del contante, incluso l’adeguamento della fornitura in entrata, hanno iniziato a diventare efficaci. Queste misure hanno parzialmente compensato il ridotto afflusso di denaro derivante dal basso numero di consegne di aeromobili commerciali nel secondo trimestre.

EBIT

Airbus

EBIT consolidato rettificato – una misura di performance alternativa e un indicatore chiave che acquisisce il margine commerciale sottostante escludendo gli oneri o profitti materiali causati da movimenti in accantonamenti relativi a programmi, ristrutturazioni o impatti sui cambi, nonché utili / perdite in conto capitale derivanti dalla cessione e acquisizione di imprese – totale
-945 milioni di euro (primo semestre 2019: 2.529 milioni di euro).

EBIT di Airbus rettificato di -1.307 milioni di euro (primo semestre 2019: 2.193 milioni di euro (1)) riflette principalmente la riduzione delle consegne di aeromobili commerciali e la minore efficienza dei costi. Sono stati presi provvedimenti per adattare la struttura dei costi ai nuovi livelli di produzione, i cui benefici si stanno materializzando man mano che il piano viene eseguito. Nell’EBIT Adjusted sono inclusi anche -0,9 miliardi di euro di oneri correlati a COVID-19.

Gli aeromobili commerciali vengono ora prodotti a tariffe conformi al nuovo piano di produzione annunciato nell’aprile 2020, in risposta alla situazione COVID-19. L’attuale situazione del mercato ha portato ad un leggero aggiustamento del tasso A350 da 6 a 5 aeromobili al mese per ora. Sulla A220, la Final Assembly Line (FAL) di Mirabel, in Canada, dovrebbe tornare progressivamente ai livelli pre-COVID al tasso 4, mentre il nuovo FAL in Mobile, negli Stati Uniti, è stato aperto come previsto a maggio. Alla fine di giugno, non è stato possibile consegnare circa 145 aerei commerciali a causa del COVID-19.

Airbus Helicopters

L’EBIT rettificato di Airbus Helicopters è aumentato a 152 milioni di euro (primo semestre 2019: 125 milioni di euro), riflettendo un mix favorevole, principalmente nel settore militare, e servizi più elevati parzialmente compensati dalle consegne inferiori. Gli elicotteri a cinque pale H145 e H160 sono stati recentemente certificati dall’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea.

Airbus Defence

L’EBIT rettificato presso Airbus Defence and Space è diminuito a 186 milioni di euro (primo semestre 2019: 233 milioni di euro), riflettendo l’impatto di COVID-19, principalmente nei sistemi spaziali, parzialmente compensato da misure di riduzione dei costi. Il piano di ristrutturazione della divisione è stato aggiornato per riflettere anche l’impatto della pandemia di coronavirus.

Tre aerei da trasporto A400M sono stati consegnati nel primo semestre del 2020. La certificazione della capacità di volo automatica di basso livello e la spedizione simultanea di paracadutisti sono state raggiunte nel primo semestre del 2020, segnando importanti traguardi per il pieno sviluppo del velivolo. Le attività di retrofit di A400M stanno procedendo in stretto allineamento con i clienti.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi