coronavirus UK

UK: a rischio 20.000 posti di lavoro negli aeroporti

Tempo di lettura 2 minuti

Fino a 20.000 posti di lavoro potrebbero andare persi negli aeroporti britannici, ha avvertito L’Airport Operators Association (AOA), chiedendo al governo di intervenire per aiutare il settore dell’aviazione .

AOA invita a non sottovalutare l’effetto della flessione del traffico negli aeroporti del Regno Unito sulle imprese e sull’indotto.

Gli operatori aeroportuali impiegano direttamente solo una piccola parte delle persone che lavorano in un aeroporto e molti altri lavori sono supportati da attività collegate agli aeroporti del Regno Unito. Dato questo effetto moltiplicatore, le potenziali perdite di posti di lavoro totali attese in tutti gli aeroporti del Regno Unito e le loro comunità imprenditoriali locali supereranno probabilmente 110.000.

I 4500 licenziamenti previsti da Swissport nel Regno Unito potrebbero essere solo l’inizio se non si corre subito ai ripari.

I dati della IATA stimano che il traffico, a partire da giugno 2020, sarà ridotto di 154 milioni di passeggeri, negando agli aeroporti del Regno Unito gran parte dei ricavi previsti e imponendo misure di riduzione dei costi per gli operatori.

Al fine di aiutare a proteggere i posti di lavoro e sostenere il settore attraverso questa crisi senza precedenti, l’AOA raccomanda al governo di intraprendere alcune misure tra cui l’esonero del pagamento delle tasse passeggeri ed una garanzia di sostenere, in qualche modo, gli aeroporti del Regno Unito con i loro costi di occupazione oltre la fine di ottobre col Programma di mantenimento del lavoro istituito dal governo britannico a sostegno del reddito.

E fattore ancora più importante per permettere una ripresa dei voli, rivedere e abrogare l’attuale dannosa politica di quarantena e sostituirla con un approccio proporzionato basato sul rischio che includa ulteriori misure di sanità pubblica per i passeggeri che arrivano da paesi ad alto rischio.

Il direttore generale dell’Associazione degli operatori aeroportuali Karen Dee ha dichiarato: “L’aviazione commerciale nel Regno Unito ha superato i tre mesi peggiori della sua storia e ora viene presentata una politica di quarantena arbitraria, che ha inutilmente soffocato i piani di riavvio e recupero del settore. Il governo dovrebbe cercare di revocare al più presto la misura generale della quarantena e istituire un approccio misurato proporzionato al rischio presente nei paesi di destinazione. Dobbiamo affrontare notevoli sfide nel riprenderci dagli impatti devastanti di COVID-19 e stiamo chiedendo al governo di fare molto di più e agire con urgenza per proteggere i posti di lavoro nel settore dell’aviazione, molti dei quali altamente qualificati Questi dati sui posti di lavoro mostrano chiaramente che una componente chiave delle infrastrutture del Regno Unito è in ginocchio, senza attese per l’attuale crisi. Il governo deve riconoscere l’immensa crisi che sta affrontando le comunità aeroportuali del Paese e agire per sostenere il trasporto aereo nel Regno Unito e proteggere i mezzi di sussistenza ”

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi