Austrian

L’Austria aiuta Austrian ed introduce una nuova flat-tax

Tempo di lettura 2 minuti

Il governo Austriaco ha approvato gli aiuto ad Austrian, dettando specifiche condizione a Lufthansa, inoltre una nuova tassa uniforme che penalizzerà le tratte sotto i 350km.

La nuova tassa vuole favorire il trasporto su rotaia per le tratte più brevi ed apre la strada verso una politica che impedirà il dumping delle tariffe, le tariffe ultra low cost sono destinate a sparire.

Austrian Airlines riceverà un totale di 600 milioni di euro, 300 milioni di euro verranno erogati in prestito attraverso finanziamenti bancari, garantiti al 90 percento da COFAG, mentee altri 150 milioni di euro provengono ciascuno dallo stato e da Lufthansa.

Lufthansa si impegna a far crescere l’HUB di Vienna proporzionalmente ai due suoi HUB in Germania, Francoforte e Monaco e fornire la garanzia di localizzazione fino al 2030 a Vienna.

Se Lufthansa non rispetterà le condizioni le verrà applicata una penale di 150 milioni e se Austrian non sarà in grado di pagare il prestito di 300 milioni di euro, la società diventerà praticamente di proprietà dello stato, come ha dichiarato il ministro delle finanze Gernot Blümel in una conferenza stampa lunedì pomeriggio.

Secondo il cancelliere Sebastian Kurz, il governo aveva tre obiettivi nei negoziati: in primo luogo, salvare i posti di lavoro, ottenere una garanzia per l’hub di Vienna, misure per la riduzione delle emissioni a favore del trasporto su rotaia.

Austrian Airlines si impegna inoltre ad aumentare l’efficienza del carburante dell’1,5 percento all’anno e a ridurre le emissioni medie di CO2 per 100 chilometri passeggeri da 9,55 a 8,5 chilogrammi nell’intera flotta austriaca entro il 2030,le emissioni di CO2 in Austria devono essere dimezzate entro il 2030, mentre le emissioni totali di CO2 devono essere ridotte del 30 percento entro il 2030 rispetto al 2005.

Nuova tassa unica

Un’altra misura che interesserà tutti i vettori e’ un nuovo regolamento antidumping che l’Austria introdurrà come primo paese in Europa.

I biglietti venduti ad un prezzo inferiore della somma di tasse e spese non saranno più consentiti in futuro.

La nuova tassa uniforme di 12 euro verra’ immediatamente applicata e nel caso di tratte inferiori a 350 km salirà a 30 euro, un modo per spostare parte del traffico come anticipavo su treno.

Questa nuova tassa potrebbe toccare marginalmente le low cost a Vienna, in quanto è probabile che spariscano i biglietti ultra low cost come quelli a 9,90€ ma non quelli ad un livello standard di una low cost ovvero a partire da 19,90 euro.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi