easyJet

easyJet il 10% dei voli continuerà ad essere operato

Tempo di lettura < 1 minuto

A seguito dei blocchi posti da quasi tutti i governi europei, easyJet ha deciso di mettere a terra la maggior parte della sua flotta da martedì 24 marzo.

easyJet continuerà a operare voli di salvataggio, per rimpatriare i clienti, questi saranno completati entro lunedì 23 marzo.

I dettagli dei voli di salvataggio sono disponibili qui: https://www.easyjet.com/en/policy/coronavirus-rescue-flights.

easyJet prevede di operare un programma minimo di servizi essenziali su alcune rotte.

Questo sarà un massimo del 10% della normale capacità durante questo periodo dell’anno e principalmente rotte verso, da e all’interno del Regno Unito.

Il piano di volo verrà rivisto settimanalmente, in base alla domanda.

“Molti clienti con prenotazioni esistenti non intendono viaggiare, quindi li incoraggiamo a cambiare i loro biglietti gratuitamente ora, poiché ciò ci consentirà di abbinare al meglio il nostro volo rimanente alla domanda. easyJet continua a rinunciare a tutte le spese di modifica per i clienti che desiderano spostare il volo in un secondo momento e possono ora cambiare fino al 28 febbraio 2021. I clienti verranno contattati direttamente in caso di annullamento del volo e verranno fornite loro opzioni.” si legge in una nota stampa di easyJet.

Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha dichiarato:

“Questi sono tempi senza precedenti per il settore aereo. Sappiamo quanto sia importante per i clienti tornare a casa e così continuiamo a operare voli di salvataggio nei prossimi giorni per rimpatriarli. Ridurre in modo significativo il nostro programma di volo è la cosa giusta da fare quando molti paesi hanno consigliato ai loro cittadini di non viaggiare a meno che non sia essenziale e che la messa a terra degli aerei rimuoverà anche livelli significativi di costi variabili in un momento in cui questo rimane cruciale. “

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi