Aviation

Caos negli aeroporti Di Londra per la tempesta Ciara

Tempo di lettura 2 minuti

Giornata difficile ieri negli aeroporti londinesi per la tempesta “Ciara”

Questo il nome della forte perturbazione che sta interessando il Regno Unito.

Molte le cancellazioni e difficoltà in fase di atterriaggio e decollo per i voli non cancellati.

Un volo Norwegian mi è stato comunicato da un passeggero, che dopo due tentativi di atterraggio da brividi, un B787 proveniente da New York ha dovuto effettuare un go-around per poi dirigersi verso Copenaghen.

Disegnando a sorpresa un cuore in volo ❤️ prima proseguire per Copenaghen.

Nessun rischio per i passeggeri a bordo, il pilota non avrebbe tentato l’atterraggio se sussistevano i requisiti di sicurezza.

British e non solo hanno preventivamente cancellato numerosi voli in particolare nell’aeroporto di Londra Gatwick.

Prima della partenza è consigliabile controllare lo stato del proprio volo, in quanto le ripercussioni potrebbero influenzare anche altri voli che vengono operati con aeromobili che durante la giornata operano voli da Londra.

British Airways si sta preparando per Storm Ciara. Prima dell’impatto della tempesta di domenica, British Airways sta cancellando una serie di rotte fuori dagli aeroporti di Londra e offre ai clienti opzioni alternative. Mentre la maggior parte dei voli interessati sono voli a corto raggio, rotte europee, i passeggeri dovrebbero comunque controllare lo stato del volo in caso di altri cambiamenti.

British Airlines, Iraq, Iran, divieto di spazio aereo
British Airways sta cancellando una serie di rotte prima di Storm Ciara. Foto: Getty Images
British Airways si prepara per Storm Ciara

Il tempo inclemente è noto per provocare il caos nelle operazioni delle compagnie aeree. Dalla neve ai tifoni, le compagnie aeree devono affrontare diversi eventi meteorologici che possono influire sulle operazioni. Al fine di preparare meglio il personale e preservare l’integrità operativa, le compagnie aeree a volte annullano i voli in anticipo per evitare di dover gestire un numero di passeggeri in aeroporto. Inoltre, questo aiuta anche a preparare al meglio i viaggiatori.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi