Alitalia

Patuanelli, operazione di mercato ha piu’ senso

Tempo di lettura < 1 minuto

Patuanelli non usa mezzi termini per esprimere la sua opinione su Atlantia “e’ entrata nel dossier ALITALIA sperando di averne un vantaggio”.

Il ministro per lo sviluppo economico spiega che “Sarebbe stato grave scendere a compromessi”.

Continua … “per questo. Il destino di ALITALIA e’ essere rilanciata come compagnia di bandiera“.

Lo ha affermato il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli in un’intervista a La Repubblica. “Il percorso per farlo sara’ deciso dal commissario e dal nuovo direttore generale che nella prossima settimana faranno una proposta di modifica de contratto di cessione e una proposta industriale“.

Secondo Patuanelli sulla compagnia di bandiera “e’ mancato il coraggio”. “Di verificare – perche’ fatturi ad aereo piu’ di Lufthansa, ma abbia una quota di costi insopportabile. Il peso del personale non e’ tra quelli tagliabili, costa 400 milioni”.

Il ministro tocca uno dei punti più delicati e discussi della questione, i costi troppo alto non giustificati, c’è qualcosa che non va, ma non è il costo del personale il nodo della questione.

Una piccola precisazione, dal mio punto di vista sono d’accordo che non e’ il costo del personale il nodo, ma il personale in termini di numero a parer mio, deve esserlo, sono troppi.

Cosa andrebbe tagliato secondo il ministro? “Ci sono rotte in perdita che per decisione politica si e’ scelto di non toccare. Cosi’ come non si e’ messo mano ai contratti di manutenzione totalmente fuori mercato. Leogrande e Zeni lavorano a questo”.

Finalmente si parla di rotte non profittevoli frutto di una pura scelta politica e non commerciale.

“L’operazione di mercato – ha aggiunto – e’ quella che ha piu’ senso”.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi