Willie Walsh Flybe

Willie non è d’accordo

Tempo di lettura 2 minuti

La decisione del governo britannico di aiutare Flybe per evitare la bancarotta del vettore è fortemente criticata da più fronti, anche da Willie Walsh, AD di IAG.

Willie ha definito l’intervento del governo come un “palese abuso di fondi pubblici”.

Willie ha anche invitato Delta a intervenire in soccorso, Delta ha registrato profitti record proprio questa settimana e rimane una delle compagnie aeree più redditizie al mondo.

Sospensione fiscale

Flybe è stata autorizzata dal governo a differire il pagamento delle Air Passenger Duty (APD), fino a £ 106, al fine di garantire la sua liquidità come compagnia aerea.

Il governo di Boris Johnson ha anche promesso una revisione dell’APD applicata ai voli domestici nel Regno Unito, soluzione che andrà a vantaggio anche di altri vettori in primis British Airways e easyJet.

Secondo la BBC Willie non è impressionato dalla decisione del governo, in verità non lo è nessuno, la decisione del governo è comprensibile ed in linea con la linea dettata dal nuovo primo ministro.

l’A.D. di IAG avrebbe anche mandato una comunicazione al segretario dei trasporti britannico Grant Shapps condannando la decisione, di seguito un breve estratto:

“Prima dell’acquisizione di Flybe da parte del consorzio, che comprende Virgin / Delta, Flybe ha sostenuto che i contribuenti finanziano le sue operazioni sovvenzionando le rotte regionali.

Virgin / Delta ora vogliono che il contribuente raccolga la palla per la cattiva gestione della compagnia aerea.

“La precaria situazione di Flybe fa beffe delle promesse che la compagnia aerea, i suoi azionisti e Heathrow hanno fatto circa l’espansione dei voli regionali se viene costruita una terza pista”.

Willie proprio non riesce ad accettare la costruzione della terza pista dell’aeroporto più grande del Regno Unito ovvero LHR, ed ogni occasione è buona per sottolinearlo.

La difesa di Grant Shapps

Shapps ha difeso le sue decisioni, affermando che questi cambiamenti erano necessari per proteggere le rotte chiave domestiche.

Ha inoltre osservato che qualsiasi modifica di APD si applicherebbe a tutti i vettori e non solo a Flybe.

“Le azioni che abbiamo intrapreso sosterranno e miglioreranno la connettività regionale in tutto il Regno Unito, quindi le comunità locali hanno i collegamenti di trasporto interno su cui fanno affidamento.

“Eventuali modifiche apportate a seguito delle nostre revisioni del servizio aereo passeggeri e della connettività regionale si applicheranno a tutte le compagnie aeree nel mercato competitivo dell’aviazione.”

3 mesi di tempo

Flybe avrà tre mesi di tempo per pagare le APD, durante questi tre mesi, la liquidità aggiuntiva, anche quella degli azionista ora disposti a iniettare denaro, dovrà essere utilizzata per risollevare le sorti del vettore e consolidare la posizione finanziaria.

Flybe si e Thomas Cook no

E’ stato il segretario agli affari Andrea Leadsom ha spiegare il perchè:

“La differenza … tra Flybe e Thomas Cook era che nel caso di Thomas Cook aveva enormi quantità di debito, e il denaro di ogni contribuente avrebbe semplicemente gettato soldi buoni dopo soldi.”

Ha detto che Flybe rimane un “affare fattibile”, una caratteristica che è stata determinante nella decisione del governo di prestare sostegno.

Connect Airways, inietterà nuovi capitali

Flybe riceverà un’iniezione di denaro Connect Airways, consorzio che ne ha acquisito il controllo a marzo 2019, si parla di circa 20 milioni di sterline.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi