Flybe

Governo inglese ok salvataggio Flybe

Tempo di lettura 2 minuti

Il governo inglese ha deciso di appoggiare il salvataggio di Flybe

Flybe, la più grande compagnia aerea regionale d’Europa, stava rischiando la bancarotta, pesanti le ripercussioni sui collegamenti domestici, in UK opera il più alto numero di voli.

L’accordo consentirà a Flybe di continuare operare tutti i voli, secondo una fonte, lo si legge su Bloomberg, il governo sarebbe disposto ad emettere un prestito ponte a Flybe.

Connect Airways, composta dalla Virgin Atlantic Airways Ltd., dalla società di private equity Cyrus Capital e dall’operatore aeroportuale Stobart Group, dopo la presa di posizione del primo ministro inglese si è a sua volta impegnata a versare a Flybe parte dei finanziamenti promessi con l’acquisizione a marzo del 2019.

Connect Airways aveva promesso una successiva iniezione di liquidità con un prestito ponte di £ 20 milioni ($ 26 milioni) a Flybe e un ulteriore finanziamento per £ 80 milioni ($ 104 milioni).

Promessa non mantenuta, gli azionist non hanno effettuato l’iniezione di liquidità promessa.

Martedì il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato in un’intervista della BBC di aver compreso “l’importanza di Flybe nel fornire connettività in tutto il Regno Unito“, riconoscendo al contempo le carenze delle infrastrutture di trasporto in alcune parti del paese.

Salvataggio “insolito” in UK

Il salvataggio è insolito in un paese che ha da tempo evitato i salvataggi statali.

Monarch Airlines, Flybmi e Thomas Cook Group Plc hanno dichiarato fallimento negli ultimi 2 anni, il governo non è mai stato disposto ad un aiuto per evitare il fallimento dei tre vettori.

Ma Flybe compagnia regionale che collega anche piccole città della provincia inglese, è diversa, fornisce collegamenti con Londra e il continente dalle città che collegano Belfast nell’Irlanda del Nord a Exeter nell’estremo sud-ovest dell’Inghilterra e Inverness nelle Highlands scozzesi.

Lo stop dei voli avrebbe provocato un quasi isolamento di molte città di provincia o isole.

Le reazioni

La BAPA British Airline Pilots’Association ha affermato che il governo dovrebbe “essere applaudito per essersi avvicinato al piatto”, dopo aver precedentemente avvertito che se Flybe non esistesse “dovrebbe essere inventato” per mantenere collegamenti cruciali e sostenere l’economia.

Un crollo avrebbe effettivamente lasciato alcune località senza un servizio aereo o fatto affidamento su viaggi ferroviari che servizio che in Inghilterra non è così moderno come si possa pensare all’estero da chi non conosce il Regno Unito.

Willie Walsh, amministratore delegato della capogruppo IAG SA di British Airways, non è della stessa idea ed ha dichiarato che il salvataggio equivale a “un palese abuso di fondi pubblici”, con i contribuenti britannici che raccolgono il conto per la “cattiva gestione” di Flybe da parte di Virgin e del partner Delta Air Lines Inc.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi